Riforma del Lavoro bocciata
dal Wall Street Journal

Roma. La riforma del mercato del Lavoro, voluta dal ministro del Welfare Elsa Fornero, quella che le Camere si sono impegnate a licenziare entro il 27 giugno e con la quale il premier Monti si presenterà all’Eurosummit, viene bocciata senza riserve dal Wall Street Journal. Dall’analisi del quotidiano statunitense emerge una fotografia ironica e dissacrante del nostro Paese e del nostro mondo del lavoro.


Un'economia moribonda


«Il premier italiano Mario Monti ha varato un decreto sviluppò per rivitalizzare l’economia italiana moribonda. Riusciranno queste misure a risolvere i problemi economici  dell’Italia? Solo nella misura in cui in teoria sia possibile svuotare il lago di Como con mestolo e cannuccia»: inizia così l’articolo, dal graffiante titolo "Disoccupazione, in  stile italiano", sulle riforme avviate dal governo Monti che devono  fare i conti con «40 anni di regolamentazioni del mercato del lavoro»  che, secondo il quotidiano finanziario americano, sono il motivo «per cui l’economia italiana ristagna». L'articolo continua, sempre con tono semiserio, ipotizzando  tutte le peripezie di «un ambizioso imprenditore italiano» che vuole avviare, o allargare, il suo business. E si trova a fare i conti con  tutta una serie di «protezioni ed assicurazioni per i dipendenti che, compresa la burocrazia che le amministra, sottrae il 47,6% delle paghe medie italiane». Questo significa, continua il giornale conservatore,  che «molti lavoratori italiani non hanno neanche l’idea di quanto sia  la loro paga lorda, ma il loro datore di lavoro ne è ben cosciente, cosa che potrebbe spiegare quindi la tentazione di molti imprenditori di  non allargarsi e tenere il proprio business il più possibile in  nero».
L’articolo conclude dando allo sventurato imprenditore la  speranza di avere «la fortuna di trovare una scappatoia» all’interno  delle nuove leggi che gli permetta «di assumere qualche dipendente in  più senza tanti costi aggiuntivi, fermo restante - conclude con  l'affondo finale - che sia un sardo dagli occhi azzurri, disabile e di età compresa tra i 46 e i 53 anni».  Una riforma del lavoro inutile, quindi, che niente potrà fare per risollevare «l’economia moribonda dell’Italia».


 


(Metro)


 


 



emoTAG!
22/06/2012 15:22



COMMENTI
INSERISCI UN COMMENTO
 
  Nome
  Email
       
  Titolo
  Testo
  Numero di caratteri disponibili 500
    il tuo indirizzo IP 50.19.74.67


* tutti i commenti registrati, prima di essere pubblicati, sono controllati dalla redazione
ultima ora
    Leggi tutte le notizie dell'ultima ora...

    metrophotochallenge
    metroshop
    Farsi Sentire
    ManicomioFootballClub
    metro viaggi
    metroblog
    metrojob
    Documento senza titolo
    N.M.E. - New Media Enterprise S.r.l. Sede Legale: Via Carlo Pesenti, 130 – 00156 Roma Tel 06 49241200 Fax 06 49241270
    P.IVA 10520221002 Testata registrata presso il tribunale di Milano al n. 225/20087 Direttore responsabile: Giampaolo Roidi - Amministratore unico: Mario Farina