Sì del sindaco Alemanno
al corteo dei ciclisti

Sabato 28 aprile ai Fori Imperiali attese decine di migliaia di biciclette

Roma. «La manifestazione promossa dai ciclisti per il prossimo 28 aprile va fatta e in piazza ci sarò anche io». Così a Metro il sindaco Gianni Alemanno, che mette la parola fine alla querelle che nelle scorse settimane ha contrapposto organizzatori e Questura sul corteo per la campagna “Salva i ciclisti” - alla quale ha aderito anche il nostro quotidiano - che promette di portare a Roma decine di migliaia di biciclette. L’iniziativa del 28 aprile è annunciata in via dei Fori Imperiali e sarà svolta - «nel rispetto delle regole» - in contemporanea con una identica mobilitazione che si terrà a Londra. «Come Campidoglio abbiamo aderito all’appello della campagna ‘Salva i ciclisti’ - ricorda il sindaco - e dunque sono disponibile ad ogni tipo di collaborazione con iniziative come questa che sono proficue per la città».


A Milano messaggi sui pannelli


“Guarda lo specchietto, poi apri la portiera - salvaiciclisti” e “Non sostare sulle corsie ciclabili- salvaiciclisti” le prime frasi che da oggi saranno a rotazione su 38 pannelli info (quelli per il traffico) per indurre gli automobilisti milanesi a rispettare le due ruote. È questa l’idea dell’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran e sostenuta dal sindaco di Milano, Giuliano Pisapia. «I pannelli variabili di solito contengono informazioni utili agli automobilisti, perché avvisano in caso di strade chiuse, deviazioni, blocchi o limitazioni del traffico. Sono cartelli speciali che attirano molto l’attenzione di chi uida», ha dichiarato l’assessore Maran. «Per questo ho pensato di cominciare da qui per una nuova forma di sensibilizzazione verso le fasce più deboli della mobilità. Dare spazio a bici e pedoni, dove di solito le protagoniste sono le automobili, è un altro modo per cominciare a riappropriarsi delle strade e per ricordare a tutti di fare attenzione e di avere rispetto per chi sceglie di muoversi con mezzi sostenibili”. Maran ha spiegato che le prossime frasi potranno prendere spunto anche da idee raccolte in Rete, e sul suo profilo Facebook si è scatenato il brainstorming, oltre a proteste contro la maleducazione dei ciclisti o la pessima abitudine di pedalare senza fanali accesi di notte, o distratti da cellulare o cuffiette mp3.


Chiesti atti concreti alle istituzioni


“Salva i ciclisti” è una campagna nata per sensibilizzare l’opinione pubblica e spingere le istituzioni ad atti concreti per la sicurezza di chi va in bicicletta (e di tutti gli utenti “deboli” della strada). Si ispira a un’iniziativa del Times di Londra. Lanciata in Italia l’8 febbraio da un gruppo di bike blogger, la campagna è stata adottata da quotidiani, televisioni, radio e periodici, da sindaci, associazioni, enti e da migliaia di singoli. Tutte le informazioni sulla campagna e sul corteo del 28 aprile sul sito www.salvaiciclisti.it.


 


(Lorenzo Grassi e Simona Mantovanini)



emoTAG!
26/03/2012 0:01



COMMENTI
INSERISCI UN COMMENTO
 
  Nome
  Email
       
  Titolo
  Testo
  Numero di caratteri disponibili 500
    il tuo indirizzo IP 54.211.79.241


* tutti i commenti registrati, prima di essere pubblicati, sono controllati dalla redazione
ultima ora
    Leggi tutte le notizie dell'ultima ora...

    metrophotochallenge
    Concorso Fotografico
    Farsi Sentire
    ManicomioFootballClub
    metro viaggi
    metroblog
    metrojob
    Documento senza titolo
    N.M.E. - New Media Enterprise S.r.l. Sede Legale: Via Carlo Pesenti, 130 – 00156 Roma Tel 06 49241200 Fax 06 49241270
    P.IVA 10520221002 Testata registrata presso il tribunale di Milano al n. 225/20087 Direttore responsabile: Giampaolo Roidi - Amministratore unico: Mario Farina