Il supermercato del futuro
sarà sexy e smaterializzato

Nella periferia ininterrotta che collega un centro storico ad un altro della pianura Padana,  il paesaggio è un susseguirsi di centri commerciali, supermercati, ipermercati, discount, outlet, nuove piazze dove le famiglie passano il tempo libero, non necessariamente solo per comprare. Sono più di 60 mila i centri di grande distribuzione che costellano il nostro Paese. Solo per il comparto alimentare coprono una superficie di vendita pari a 19mila chilometri quadri, più o meno le dimensioni della  Puglia. Spesso sono brutti e molto simili tra loro, anche nell'offerta commerciale: una saturazione del paesaggio, ma anche del mercato.


Il boom dei supermercati è superato
 «Il boom dei supermercati è superato: nel futuro dovranno cambiare, ci sarà una necessità di differenziarsi, catturando i consumatori dove ce ne sono tanti, nei luoghi di passaggio o sfruttando le nicchie». L'analisi è di Roberta Panza, architetto e autrice di “Manuale di progettazione per la grande distribuzione” (Franco Angeli) che apre uno squarcio sulle tendenze del futuro.


Il supermercato smaterializzato
Come la smaterializzazione: a Seul la Tesco ha inaugurato il supermercato virtuale (nella foto). Nei luoghi di grande passaggio dei pendolari con poco tempo, come stazioni o metropolitane, è possibile ordinare la spesa utilizzando lo smartphone su appositi pannelli che mostrano la merce, la spesa poi arriva a casa all'orario desiderato.


Il supermercato over 60
Puntando invece su una clientela in sicura espansione (nel 2050 gli over 65 nel mondo saranno due miliardi) nascono i supermercati per la terza età: a Salisburgo il gruppo Edeka ne ha aperto uno nel quale i carrelli sono dotati di lenti di ingrandimento per leggere le etichette e si trasformano in sedute per piccole soste (+25% di incassi in poco tempo). Ad Hanoi il supermercato senior “Il nonno  e la nonna” prevede anche commessi over 50, musica classica di sottofondo, pavimenti antiscivolo.  


Il supermercato sexy
Un esperimento del tutto nuovo è poi il supermercato per ipovedenti di Parigi del gruppo Casino: ad esempio le etichette sono tradotte dallo smartphone in un messaggio vocale. Per catturare i giovani invece la ricetta è coniugare acquisti, take away, bar trendy: si parla di sexy-supermercato. «Un'altra tendenza già in atto è quella del ritorno al negozio di prossimità - dice Panza- quindi le grandi catene si orientano sul supermercato di piccole dimensioni integrato nel quartiere».  
Un fronte spinoso è la qualità estetica scadente: «In Italia, a parte casi singoli come l'Auchan di Napoli e alcuni grandi gruppi, come Esselunga, c'è stata pochissima cultura della qualità architettonica, soprattutto all'esterno, puntando solo sul contenimento dei costi - dice Panza - ma i consumatori ora sono molto più esigenti. Grazie anche a loro oggi  nella progettazione c'è sempre più attenzione al risparmio energetico».


(Paola Rizzi @paolarizzimanca)



Fotografia della grande distribuzione in Italia
Nel 2011 secondo i dati Federdistribuzione gli esercizi della distribuzione moderna organizzata, che va dal piccolo supermercato all'ipermercato, erano 59437.
Gli alimentari sono 28.891 e da  soli coprono una superficie di vendita di 18813 chilometri quadrati, più o meno la superficie della Puglia.



emoTAG!
05/04/2013 6:05



COMMENTI
INSERISCI UN COMMENTO
 
  Nome
  Email
       
  Titolo
  Testo
  Numero di caratteri disponibili 500
    il tuo indirizzo IP 54.205.52.110


* tutti i commenti registrati, prima di essere pubblicati, sono controllati dalla redazione
ultima ora
    Leggi tutte le notizie dell'ultima ora...

    metrophotochallenge
    Concorso Fotografico
    Farsi Sentire
    ManicomioFootballClub
    metro viaggi
    metroblog
    metrojob
    Documento senza titolo
    N.M.E. - New Media Enterprise S.r.l. Sede Legale: Via Carlo Pesenti, 130 – 00156 Roma Tel 06 49241200 Fax 06 49241270
    P.IVA 10520221002 Testata registrata presso il tribunale di Milano al n. 225/20087 Direttore responsabile: Giampaolo Roidi - Amministratore unico: Mario Farina