Jake La Furia presenta "Fuori da Qui" - Guarda la VideoIntervista

Sempre più protagonista con le sue rime, le sue barre e anche la sua voce. Così ho trovato Jake La Furia nel progetto solista "Fuori da qui" dove c'è anche un pezzo dove canta da inizio a fine. Due anni fa ci eravamo incontrati e gli avevo fatto i complimenti proprio per la voce. Se non ci credete andatevi ad ascoltare "Fino a Sanguinare" e "Gli anni d'oro".

Come ti senti in prima linea, senza la crew Club Dogo a portare in giro i tuoi pezzi?

"Beh, la responsabilità di essere in questo momento solista è una bella responsabilità perché è tutto sulle mie spalle quindi diciamo… pesante ma  bello soddisfacente e poi alla fine a creare e produrre scrivere tutto un disco…  bisogna stare un po' da soli con se stessi… comunque è bello"

 

Dove avete girato il video con Luca Carboni "Fuori da Qui"?

"Il video di “fuori da qui” è stato girato in una cava vicino a Frosinone molto grande quindi con un gioco di camere sembra che siamo nel deserto, la macchina è inglese vecchissima credo una Morgan, però vorrei sbagliare, e il signore simpaticissimo era contentissimo di averla messa a disposizione per il video. Sono stato contento del risultato perché poi è molto cinematografico, ho lavorato molto bene quindi sono molto soddisfatto"

 

Dove hai trovato il tempo per scrivere e produrre un tuo disco?

"Ho trovato il tempo di produrre “Fuori da qui” e di scriverlo di registrarlo finito l'ultimo tour dei Club Dogo perché sono praticamente sparito per quasi un anno perché appunto mi sono preso il tempo di fare le cose con calma, sapevo che doveva essere un disco importante fatto bene quindi ci messo quasi un anno, ho registrato tantissimo per avere 14 tracce di cui ero completamente convinto e diciamo che per un po' mi sono dedicato tranne qualche cosa saltuariamente qualche DJ-Set, qualche qualche suonata da qualche parte però per il resto mi sono preso il tempo di fare il disco"

 

In questo nuovo lavoro troviamo diverse collaborazioni. Come nascono?

"Le collaborazioni nel Rap, che poi si chiamano Featuring, nascono… dipende dalla confidenza che c'è tra gli artisti, se devo pensare al caso di Emis Killa succede veramente con un messaggio oppure telefonate o “zio ti mando una roba” sì “zio ti mando un'altra roba” e siamo talmente amici che è come parlare con un  amico, ti faccio un favore mi fai un favore . Nel caso di collaborazioni più strane tipo nel caso con Luca Carboni subentrano dei meccanismi discografici ma partono comunque è quasi sempre da una stima fra artisti io ho voluto con lavorare con Carboni perché è uno dei miei preferiti. Non conoscendolo di persona ci sono arrivato tramite le case discografiche che si sono parlate e poi dopo ci siamo conosciuti"

Blog di: 
Francesco Foderà
Ultimi articoli da questo blog

Domani sera Mihail si esibirà sul palco del Wind Summer Festival di Canale5 con "Who you are”, singolo già disco d'oro in Italia con oltre 25mila copie vendute.

Emma Marrone suona nuova: sound ricercato negli arrangiamenti e consapevolezza vocale di un nuovo range di note nell’album “Essere Qui”, già certificato disco d’oro.

Nina Zilli ha incontrato i suoi fan a Discoteca Laziale di Roma per il firmacopie di Modern Art.