Tra tre giorni tutto cambierà

Energie non rinnovabili

Mercoledì 5 novembre. Metto la data su google e non esce niente di rilevante. Terminerà l'allerta meteo su La Spezia. Sono segnalati i programmi tv. La liturgia del giorno. In un'Asl lombarda inizieranno le campagne anti influenzali Ma nulla di davvero rilevante.

Eppure, mercoledì cambierà tutto. 

Diventerà legge dello Stato il decreto Sblocca Italia. C'è chi lo ha chiamato "Sbraga Italia", o "Sfascia", "Sbrocca", "Svuota". Io ne ho seguito la nascita e la sua trasformazione in legge. Ricordo il pomeriggio del 12 settembre, quando fu pubblicato in Gazzetta ufficiale dopo la veloce firma al Quirinale. Armata di matina blu e rossa mi piazzai sul divano e con internet alla mano per approfondire i punti ostici e i richiami di legge, cominciai a leggere. Non ci potevo credere. 
Questo decreto farà nascere nuovi inceneritori, che diventeranno opere di interesse strategico nazionale. A me quest'espressione fa tornare in mente la protesta dei cittadini di Chiaiano contro la discarica. Per fermarli arrivò la definizione di "opera di interesse strategico" e l'esercito a difenderne i confini. Come se si trattasse di uno Stato neonato da proteggere. Gli inceneritori che in questo periodo storico stanno soccombendo perchè - grazie alla raccolta differenziata - hanno poco combustibile da bruciare, potranno essere foraggiati con rifiuti che arrivano da ogni parte d'Italia. 
La legge farà compiere un primo passo verso l'acqua privata. E non se ne frega di un referendum dall'esito plebiscitario.
Riempirà l'Adriatico, la Basilicata, l'Abruzzo, la Sicilia di trivelle. Per cercare un petrolio che, se anche fosse estratto completamente, basterebbe a malapena per tre anni in Italia. I dati sono di Confindustria audita in Commissione Ambiente.
La legge finanzia nuove opere, molte delle quali progettate vent'anni fa e oggi considerate inutili da studi di università, dell'Unione europea o dello stesso governo. Ma sono tutte in un elenco fornito dagli amici degli amici. E quindi s'hanno da fare.
Un mio amico ha deciso di investire tempo e soldi in impianti fotovoltaici a concentrazione innovativi. 
E io non ho il coraggio di dirgli che nel decreto che dovrebbe sbloccare l'Italia, non c'è una sola riga che lo riguarda.

Blog di: 
Stefania Divertito
Ultimi articoli da questo blog

Siamo proprio sicuri che a uccidere gli operai dell'Olivetti sia stato il mesotelioma?

Da anni con Metro seguiamo le vicende dello snodo Tav di Firenze. Un progetto invasivo che prevede la costruzione di un tunnel sotto Firenze per far passare l'Alta velocità e guadagnare APPENA 5 minuti nella tratta Roma Milano.

Si è spento al San Raffaele di Milano Francesco Rosito, 46 anni originario di Livorno e in servizio presso la 43^ Aerobrigata di Pisa. Varie missioni internazionali, condannato a morire per un cancro contratto quasi certamente per le missioni effettuate all’estero.