Se il giudice mette in dubbio il mesotelioma

Amianto

Siamo proprio sicuri che a uccidere gli operai dell'Olivetti sia stato il mesotelioma? Colpo di scena al processo in corso a Ivrea (Torino) contro i manager (ex) dell'azienda: il giudice Elena Stoppini ha disposto il riesame dei vetrini e delle cartelle cliniche degli  operai morti, per i quali è iniziato il processo, e ha nominato i due consulenti di parte: si tratta degli esperti, Donata Bellis, già perito nel processo per conto dell’accusa e dirigente medico dell’Asl To1 e Massimo Roncalli, responsabile di Anatomia patologica all’Hmanitas di Rozzano.  

La revisione, secondo la giudice, è necessaria per stabilire con assoluta certezza, vista la complessità del processo emersa anche nel corso dell’udienza del 2 maggio, attraverso le numerose consulenze medico legali e scientifiche, che tutte e 14 le vittime, ex lavoratori dell’azienda d Ivrea, siano stato colpiti da mesotelioma pleurico.  Nell'udienza della settimana scorsa Enrico Pira consulente tecnico per la difesa di Carlo De Benedetti e Corrado Passera, ha affermato che Marcello Costanzo, ex dipendente dell’Olivetti deceduto il 30 gennaio 2012, morì per occlusione intestinale e non per mesotelioma pleurico,

Viene quindi messa alla prova ancora una volta la correttezza delle diagnosi. Tra gli imputati del processo, Carlo De Benedetti, il fratello Franco e l'ex ministro Corrado Passera. Chiaramente la decisione dle giudice è stata accolta favorevolmente dagli avvocati difensori. 

Blog di: 
Stefania Divertito
Ultimi articoli da questo blog

Da anni con Metro seguiamo le vicende dello snodo Tav di Firenze. Un progetto invasivo che prevede la costruzione di un tunnel sotto Firenze per far passare l'Alta velocità e guadagnare APPENA 5 minuti nella tratta Roma Milano.

Si è spento al San Raffaele di Milano Francesco Rosito, 46 anni originario di Livorno e in servizio presso la 43^ Aerobrigata di Pisa. Varie missioni internazionali, condannato a morire per un cancro contratto quasi certamente per le missioni effettuate all’estero.

Non se ne può più. "A Parigi serve un accordo sul clima che salvi il Pianeta". "Ottenere un risultato a Parigi è far vincere i valori di democrazia e libertà". "Firmare un atto concreto per mitigare il riscaldamento climatico è fondamentale, lo dobbiamo alle prossime generazioni".