Arborea è la buona notizia per l'Italia

Ad Arborea una sindachessa in prima linea

"Una sonora e democratica sberla alla Saras", "Una vittoria per l'ambiente e la democrazia", "Un affossamento definitivo dei progetti di perforazione del sottosuolo della famiglia Moratti". Tutto questo è l'elezione di Manuela Pintus a sindaco di Arborea, ma ancora di più. È una speranza per l'Italia e per quanti combattono disperatamente in difesa dei propri territori.

Manuela è biologa, una grande conoscitrice del suo territorio, ed è stata in  questi anni uno dei volti in prima linea del Comitato No al progetto Eleonora, nome apparentemente gentile dietro cui c'è il disegno della Saras, la società della famiglia Moratti che a Sarroch ha una delle raffinerie più grandi di Europa, di perforazione esplorativa per la ricerca di gas naturale a due passi dallo Stagno di S’Ena Arrubia.
Una battaglia che dura da anni contro un gigante, una famiglia potentissima che per ora, soprattutto grazie all'instancabile impegno dei cittadini di Arborea, ha dovuto subire uno stop. 
Dopo il procedimento di Valutazione d'impatto ambientale  è stata emessa una dichiarazione di improcedibilità dal Servizio Savi della Regione autonoma della Sardegna. Ma i Moratti hanno presentato ricorso al Tar regionale e l'udienza è prevista per il primo luglio. 
Manuela, e il suo sorriso, e la sua competenza, in prima linea sempre, e lo sarà anche il primo luglio, a fianco dei suoi cittadini.

I Moratti non si arrendono, ma neanche i sardi. C'è da scommetterci.

Blog di: 
Stefania Divertito
Ultimi articoli da questo blog

Siamo proprio sicuri che a uccidere gli operai dell'Olivetti sia stato il mesotelioma?

Da anni con Metro seguiamo le vicende dello snodo Tav di Firenze. Un progetto invasivo che prevede la costruzione di un tunnel sotto Firenze per far passare l'Alta velocità e guadagnare APPENA 5 minuti nella tratta Roma Milano.

Si è spento al San Raffaele di Milano Francesco Rosito, 46 anni originario di Livorno e in servizio presso la 43^ Aerobrigata di Pisa. Varie missioni internazionali, condannato a morire per un cancro contratto quasi certamente per le missioni effettuate all’estero.