Indignarsi adesso serve ai nostri ragazzi

Mancano pochi giorni alla riapertura delle scuole: l’anno zero della riforma Giannini. Anno zero, in tutti i sensi. Se uno chiedesse cos’è cambiato rispetto all’anno scorso, la gran parte dei docenti direbbe niente. Alcuni, non pochi, sosterrebbero che la situazione è peggiorata, e di molto. Pochi, pochissimi, che è migliorata. Per gli alunni...http://www.metronews.it/15/09/08/scuola-indignarsi-adesso-serve-ai-nostr...

Blog di: 
Tony Saccucci
Ultimi articoli da questo blog

Ci risiamo. Pensavo fosse finita questa ridicola abitudine tutta italiana di litigarsi la data migliore per lo sciopero. Questa pessima prassi di proclamare, di differire, di annullare. Pensavo che dopo il successo senza precedenti del 5 maggio scorso...

Qualche giorno fa raccontavo alla quinta liceo dei provvedimenti della sinistra storica al governo. Stiamo parlando della fine degli anni Settanta dell’Ottocento.

Una cosa buona la buona scuola ce l'ha: l’attenzione alla differenza di genere. Non tanto insegnare il rispetto, quanto la normalità della differenza. In tempi di barbarie bisogna riconoscere anche questo, si può addirittura riconoscere uno sprazzo di lucidità nella follia generale della 107.