Perché quelli esclusi sono sempre i migliori? Ovvero la polemica montata delle liste di Renzi

Un mio articolo su L'Huffington Post

http://www.huffingtonpost.it/maurizio-guandalini/perche-quelli-esclusi-s...

IL BLOG

Perché quelli esclusi sono sempre i migliori? Ovvero la polemica montata delle liste di Renzi

 29/01/2018 15:15 CET | Aggiornato 9 minuti fa

di Maurizio Guandalini - Giornalista, editorialista di Metro e saggista

 

Perché quelli esclusi dalle liste sono sempre i migliori? "Renzi ha preferito gli incompetenti ma fedeli". È Michela Marzano a dirlo. Filosofa e attuale deputata, uscente, del Pd. E non candidata per il Pd alle elezioni di marzo, anche perché dal Pd si è distaccata, difficile per Renzi ricandidarla. O no? La polemica contro la formazione delle liste Pd è farlocca. Non c'è. E chi la monta, la polemica, lo fa per colmare la propria delusione, usando un format non piacevole e rispettoso, cioè quello di denigrare altre persone, neocandidate, esaltando un valore di superiorità, il proprio, che a ora non è stato vidimato dalla realtà. Li abbiamo già sperimentati i cosiddetti "migliori al Governo", con super tecnici e professoroni, e si è visto come è andata: né meglio né peggio quelli che sono venuti prima e che sono succeduti poi.

Eppoi diciamola tutta sulla faccenda dei migliori e dei voti: molti deputati e senatori uscenti sono stati benedetti (almeno il Pd alla Camera) da una legge elettorale, il Porcellum, che intruppava persone come regalo senza per questo aver certificato di aver preso dei voti. Si poteva fare meglio? È la solita polemica fallace che nasconde rancori e dispiaceri di chi viene escluso. Stupisce l'uscita di Carlo Calenda, che si accoda a quelli che sostengono che gli esclusi erano meglio degli intruppati: bel coraggio da parte sua che fa il ministro senza essere eletto, senza un partito di riferimento, senza nulla. Eppure gli è stata data fiducia e probabilmente gli sarà data in futuro nella categoria "Riserva della Repubblica". A Calenda va spiegato che i voti occorre prenderli per essere eletto. Ed è impensabile che vi siano le riconferme a scatola chiusa dei precedenti, quando ben che vada il Pd avrà 120-130 deputati in meno rispetto la legislatura appena conclusa.

Per questo, e altro, stiamo assistendo a polemiche speciose. Montate a arte. Sempre in casa del Pd naturalmente. Basti osservare la stampa quotidiana e seguire i dibattiti elettorali in tv. Come che nelle altre liste ci fosse il tana libera tutti. Dai grillini in giù dove ci stanno le proteste degli esclusi in tutta Italia che hanno preso i voti nelle primarie e che si vedono depennati dalle liste. Anche nei partiti dove il capo è leader maximo, dalla Lega di Salvini al deus ex machina Cavaliere Berlusconi. Tralasciamo le discussioni in LeU che sono da assalto alla dirigenza. Però c'è un gran affanno a bombardare il quartier generale renziano. Il partito di Renzi, dicono, omettendo che c'è il partito di Di Maio, di Berlusconi, di Salvini e la sola Spa di partito, quelli di LeU, suddivisi nel partito di Grasso, di Bersani, di D'Alema, di Fratojanni, di Civati.

Ma allora perché quelli esclusi dalle liste sono sempre i migliori? Mentre Trump insegna ai leader europei le regole elementari del bravo politico, prima di tutto gli interessi della propria nazione, si coglie ogni occasione per fare polemica sulla polvere. Quando si rifà un Parlamento ci sono i delusi e quelli che esultano. È la regola dell'imbuto. Ma cogliere questa occasione per fare grandi elucubrazioni sul rinnovamento della politica fa ridere i polli. Soprattutto dopo che gli italiani hanno liquidato, per i più svariati motivi, meno quelli "oggetto del contendere", il referendum costituzionale del 4 dicembre 2016, il solo treno da prendere al volo per vedere il cambio di verso. Di direzione.

Oggi, sentire lagnarsi perché i segretari dei vari partiti chiudono liste con molti etichettati fedelissimi, sicuri di essere eletti, è un lamento crepuscolare. Candidati catapultati dall'alto, senza arte né parte, privi di curriculum professionale, in cerca di un lavoro. E perché mai la compilazione delle liste che servono per prendere voti, che ogni partito cerca per sé, dovrebbero seguire un criterio sballato che provoca la reazione contraria, il rigetto?

Tranquilli. Avremo un Parlamento che rispecchierà come sempre il paese. Senza surplus di geni e di faccendieri. La media che circola tra noi. Come è giusto che sia, senza superman di categoria. Mettiamo il cuore il pace. Si sapeva. Per fare le cose bene serviva un'altra legge elettorale. E le primarie ogni partito le avrebbe fatte per la scelta dei candidati in ogni collegio: a proposito, perché Orlando, della minoranza dem, non le ha chieste? American first, gli Stati Uniti insegnano. Anche se pure oltreoceano si lamentano perché è saltato fuori un Presidente come The Donald o perché è stato escluso dalla corsa il democratico Sanders a favore di Hillary Clinton. E vedi in Europa, dalle parti dell'Eliseo, il filibustiere Macron, che ha rinnovato la politica francese con il 22% di consenso dei francesi mandando all'Assemblea Nazionale un esercito di sconosciuti, benedetti dalla fortuna.

Blog di: 
Maurizio Guandalini
Ultimi articoli da questo blog

di Maurizio Guandalini