L'elemosina di Maroni ai pendolari

Sono pendolare da una vita sulla Mantova-Milano, tra le dieci peggiori tratte regionali d'Italia. E da una vita sento promesse. E, sempre da una vita, assisto alla giustificazione più in uso quando nulla si fa: non ci sono soldi, la colpa è di Tizio e di Caio. Ma nel frattempo aumentano i biglietti, il servizio rimane pessimo, si viaggia su carri bestiame. La notizia, di queste ore, è l'arrivo di 12 milioni di euro per la tratta Mantova-Milano. Praticamente delle briciole, nulla rispetto a una linea che sarebbe da rifare. Eppure Maroni, presidente della Regione Lombardia, ha suonato le fanfare a festa. Non solo. I 12 milioni dati li fa pesare non poco. Della serie ecco a voi il tocco salvifico, rendete grazia. Ma quando mai. C'è solo da ridere per non piangere. Soprattutto per la subordinata che Maroni ha già spiaccicato sotto il naso: questi sono i 12 milioni di euro, però può darsi che non arrivino perché quel cattivone di Renzi ci ha tagliato i fondi. Un gran battutista il presidente della Regione Lombardia, non c'è che dire. Forse sarà il caso che impari a tagliare dove gli sprechi ci sono in abbondanza (ci può dire qualcosa sul buco Aler? Grazie), a quel punto gli renderemo grazia se ci verrà ancora concesso trascorrere, nella buona e nella cattiva sorte, due ore di smaltrappato viaggio da Mantova a Milano.

(Quello che segue è l'articolo apparso sulla GAZZETTA DI MANTOVA)

http://gazzettadimantova.gelocal.it/mantova/cronaca/2014/11/07/news/dodi...
 

Dodici milioni per la Mantova-Milano. Maroni: "Tratta più veloce"

L'annuncio del presidente della Regione dopo la firma della convenzione fra il gruppo Fs Italiane e Regione Lombardia

TRENI
TRASPORTI FERROVIARI
TRATTA MANTOVA MILANO

07 novembre 2014

MANTOVA. "I 12 milioni stanziati oggi per velocizzare la tratta ferroviaria Codogno-Mantova sono un'altra promessa mantenuta, un altro impegno concreto per i nostri cittadini. Si tratta di risorse importanti, che abbiamo trovato insieme a Rfi per potenziare questo collegamento ferroviario per Mantova. Il trasporto in generale, e quello su ferro in particolare, rappresenta una delle attività in cui Regione è maggiormente impegnata insieme agli enti locali: stiamo proseguendo nell'azione di potenziamento del nostro trasporto ferroviario e abbiamo comprato 63 nuovi treni che stiamo mettendo in esercizio".

Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, incontrando i giornalisti dopo la firma della convenzione fra il Gruppo FS Italiane e Regione Lombardia per la gestione delle emergenze nel trasporto ferroviario.  "Ci sono criticità nel trasporto ferroviario regionale, lo sappiamo, ma le stiamo affrontando - ha proseguito Maroni -, anche per questo ieri ho sollecitato il presidente Matteo Renzi a non fare tagli alla Regione Lombardia, che è una Regione virtuosa, tagli che avrebbero ricadute, oltre che nella Sanità anche, nel Trasporto pubblico locale. Nella Finanziaria sono annunciati 930 milioni di tagli per la Lombardia, tagli assolutamente ingiustificati visti i nostri conti, e di questi 200 milioni sono extra sanità e quindi il rischio è che si depotenzino le misure che abbiamo studiato per migliorare il trasporto, anche su ferro, in Lombardia".

"Stiamo lavorando da tempo - ha concluso Maroni - per migliorare il trasporto in Lombardia, ma, se i tagli previsti nella Legge di stabilità venissero confermati, dovremmo mettere mano a qualche ripensamento e questo non andrebbe certamente nella direzione che vogliamo".

Immediata la reazione del capogruppo del movimento 5 Stelle Andrea Fiasconaro:  "Ricordo a Maroni che i problemi della tratta Milano-Codogno-Mantova sono numerosi e che è necessario intervenire ad esempio per il raddoppio dei binari, per il superamento di numerosi passaggi a livello e per l’istituzione di un treno direttissimo. Era ora comunque che si intervenisse con uno stanziamento economico su una delle dieci peggiori linee ferroviarie d’Italia come denunciato da Legambiente. Vorremmo però capire, nello specifico, come saranno impiegati i 12 milioni di euro promessi che stando all’entità dei problemi della tratta sicuramente non saranno sufficienti. I pendolari meritano sicuramente molto di più".

 

Blog di: 
Maurizio Guandalini
Ultimi articoli da questo blog

Un mio articolo su L’Huffington Post

Per leggerlo clicca sul link che segue:

Editoriale del 14 novembre 2018  su Metro Quotidiano 

di Maurizio Guandalini

Editoriale del 13 novembre 2018 su Metro-Quotidiano

 

Maurizio Guandalini