Le elezioni europee e il pericolo "democrazia"

Editoriale del 20 maggio su Metro Quotidiano

di Maurizio Guandalini

E’ in scena il concorso Vinci Democrazia. L’aut aut dell’Onu al decreto sicurezza del governo perché violerebbe i diritti umani, è l’ultima turbativa di una campagna elettorale per l’Europa, contrassegnata da Don Diego de la Vega. Zorro è della California. Anche negli Stati Uniti, il neo candidato dell’asinello, con un’alta anzianità di servizio, Biden, per battere Trump, lancia l’allarme della democrazia. A rischio. Dear Joe, quando sul piatto della bilancia del voto si tira in ballo, di continuo, il pericolo della scomparsa delle libertà individuali, c’è del marcio in Danimarca. Soprattutto in chi maneggia, con disinvoltura, questi temi. Primo arrogandosi virtù taumaturgiche di giudice, cui è ignota l’altissima paternità. Secondo rimestando la clava della storia in teatrini folcloristici che sminuiscono, di fatto, i crimini, le dottrine e i fenomeni distruttivi della guerra. Sull’altra riva del fiume ci stanno, e non ne capiamo la necessità, dei prestatori d’opera politica, con atteggiamenti equivoci, a dar copertura, diretta o indiretta, a gruppuscoli e minoranze senza seguito, col rischio di inficiare e infangare leadership. E vittoria finale.

Caro Amleto, tra una settimana ci giochiamo non la democrazia ma l’ennesima, nuova, classe dirigente. Che, gli italiani, nel male oscuro schizofrenico moderno – con i giocatori non proprio all’altezza, ahinoi concentrati sull’ansia da prestazione -, hanno una mezza idea di mandare in salamoia. Dopo 10 mesi di governo. Amici dello schema paranoico, di giornali e talk, di demolire. Spargendo qua e là bombette ansiolitiche. Pericoli. Su debolezze e paure mai dome. Plasmati al postulato né né. Peste e corna sull’Europa delle sabbie mobili sui migranti, critiche ai vincoli che affamano e impediscono ai governi di decidere, ma turarsi il naso, applausi e bis a Bruxelles perché le alternative sono odio e comandanti in capo. Chiedere a Renzi che, in mille giorni di Governo, più volte al dì, era processato per l’uomo solo. Di potere. Aveva contro perfino l’associazione dei partigiani.

Blog di: 
Maurizio Guandalini
Ultimi articoli da questo blog

Un mio editoriale su l'Huffington Post

Per leggerlo basta premere sul link che segue.

Un mio editoriale su l'Huffington Post.

Per leggerlo basta cliccare sul link che segue:

Editoriale del 31 maggio 2019 su Metro Quotidiano