Ferie d'agosto 1. La bolletta della luce

Un articolo su l'Espresso

http://espresso.repubblica.it/affari/2015/07/27/news/bolletta-paghera-di...

[Bolletta, pagherà di più chi consuma meno]
Meno tasse sulla casa, più spese per la bolletta. Mentre il governo di Matteo Renzi promette di voler cancellare le imposte sugli immobili a partire dall'anno prossimo, c'è un'altra novità che rischia di far aumentare i costi per le famiglie. E questa, a differenza dell'eliminazione di Imu e Tasi, è già in rampa di lancio. Si tratta della riforma della bolletta dell'elettricità. Che potrà causare rincari fino a 117 euro all'anno per famiglia.

COME FUNZIONA LA RIFORMA
Per comprendere cosa succederà una volta che la riforma sarà approvata, bisogna leggere i documenti pubblicati dall'Aeegsi, l'autorità che vigila sul mercato dell'energia elettrica, del gas e dei servizi dell'acqua. L'Italia ha recepito una direttiva europea che punta a incrementare l'efficienza energetica nei Paesi membri. L'obiettivo generale è quello di riuscire a produrre la stessa quantità di energia utilizzando meno risorse, dunque inquinando meno. In Italia il compito di tradurre in pratica la direttiva europea è stata affidato dal governo all'Aeegsi. L'Authority si è messa al lavoro per elaborare delle proposte di riforma. L'idea generale dell'ente presieduto da Guido Bortoni è quella di raggiungere l'obiettivo fissato dall'Unione europea agendo soprattutto su due voci della bolletta: gli oneri di sistema, vale a dire tutti i quattrini pagati dagli utenti per pagare sussidi e incentivi, come quelli sulle rinnovabili o sulla dismissione delle centrali nucleare; e i servizi di rete, quelle spese che il cliente sostiene per farsi arrivare l'elettricità a casa. Non sono voci ininfluenti: rappresentano, in media, il 41 per cento dell'intero costo della bolletta.

SUSSIDIATO A CHI?
Al momento il pagamento dell'elettricità in Italia – caso unico tra le nazioni europee - si basa sulla regola della tariffazione progressiva. Significa che spende più soldi, per oneri di sistema e servizi di rete, chi consuma più corrente. La proposta dell'Aeegsi, pubblicata sul suo sito Internet in una prima versione il 18 giugno e aggiornata il 9 luglio, parte dall'eliminazione della progressività delle tariffa, spiegando che con questo sistema attualmente i circa 10 milioni di clienti che consumano di più «sussidiano» i quasi 20 milioni che consumano meno. Se la riforma entrerà in vigore così come proposto dall'Autorità, la situazione dovrebbe risultare capovolta. Ci guadagnerà chi consuma più elettricità e ci perderà chi ne consuma meno.

AUMENTI MEDI DA 19 A 71 EURO
Le utenze interessate da questa riforma, che riguarda solo quelle domestiche, sono 29,4 milioni.   
Incrociando i dati forniti dall'Autorità, si capisce che la maggioranza sono famiglie che usano meno di 2.700 chilowattora all'anno, ed è questa la quota da tenere a mente per capire chi saranno vincitori e vinti. Per chi consuma meno di 2.700 chilowattora all'anno – la maggioranza degli italiani, oggi - la riforma comporterà un incremento dei costi che, si legge nel documento pubblicato dalla stessa Aeegsi, varia da 19 a 71 euro all'anno. Con il picco massimo dei 119 euro raggiunto dai non residenti che consumano 900 chilowattora all'anno (una casa al mare o in campagna, ad esempio). Chi saranno i maggiori beneficiari? Quelli che usano tanta corrente: per chi supera i 6.000 chilowattora all'anno il beneficio può arrivare fino a 582 euro all'anno. 

 

LA RIFORMA? CI SARANNO PIU' AUTO ELETTRICHE
La riforma dovrebbe entrare in vigore a partire dall'anno prossimo ed essere completata nel 2018. I giochi, però, non sono ancora fatti. L'Autorità ha dato infatti tempo a tutti i soggetti interessati fino al 3 settembre per inviare osservazioni e proposte sulla nuova bolletta. E i pareri sono discordanti. L'associazione ambientalista Amici della Terra, ad esempio, ha commentato positivamente il progetto : «L’attuale struttura progressiva della tariffa elettrica rappresenta un serio ostacolo alla diffusione delle tecnologie innovative e degli usi efficienti dell’elettricità che saranno strategici in ambito domestico nel prossimo futuro, come le pompe di calore per la climatizzazione estiva ed invernale e le automobili elettriche. Negli ultimi decenni del secolo scorso, la tariffa progressiva è servita a risparmiare energia in un paese, come l’Italia, privo di risorse primarie. Oggi invece», ha detto la presidente dell'associazione, Monica Tommasi «dopo gli investimenti nelle centrali e dopo i recenti costosissimi incentivi accordati alle rinnovabili elettriche, il minor consumo di elettricità indotto dalla tariffa progressiva va a danno di un sistema di produzione di energia elettrica fra i più efficienti al mondo e di una quota di energia elettrica rinnovabile fra le più alte d’Europa».

PAGHERA' CHI HA INSTALLATO IL FOTOVOLTAICO
Diametralmente opposto il parere di Gianni Girotto, senatore del Movimento 5 Stelle e membro della Commissione Industria. «Così come impostata dall’Autorità, la riforma è una marchetta per i produttori di energia fossile: le centrali a metano, a olio e a carbone al momento sono in difficoltà e l'aumento dei consumi indotto dalla riforma dovrebbe aiutarle a recuperare. A perderci saranno invece i cittadini che cercano di consumare meno energia: chi ha comprato un frigorifero efficiente, ha sostituito delle lampadine ad alto consumo con quelle a risparmio energetico, chi ha realizzato un impianto fotovoltaico in scambio sul posto sarà duramente penalizzato perché perderà la convenienza economica. Per questo abbiamo fatto di recente un'interrogazione al governo chiedendo di intervenire». 

 

 

Blog di: 
Maurizio Guandalini
Ultimi articoli da questo blog

Un mio articolo su l'Huffington Post.

Per leggerlo basta cliccare il link che segue:

Un mio editoriale su L'Huffington Post

Per leggerlo cliccare il link di seguito:

Editoriale del 26 febbraio su Metro-Quotidiano

di Maurizio Guandalini