Che cosa ci raccontano, dell'Italia, i nuovi palinsesti tv

Editoriale pubblicato su Metro quotidiano del 10 luglio 2019

di Maurizio Guandalini
Ieri la presentazione dei programmi Rai, al via da settembre. Mediaset l’ha già fatto. Un format di talk da proporre l’avevamo. Conduttore di Rai Parlamento, in studio due opinionisti, direttori, uno del tg2,  l’altro di rai news, e collegamenti con inviati della tv pubblica. Tema il nuovo Parlamento europeo. Conversazione pulita, senza fronzoli, assenti urla di esperti e capi del vapore atteggianti a dive. Lo consigliamo ai sordi maestri delle reti che in autunno ci offriranno  il solito minestrone riscaldato. Grazie al santo patrono dei giornalisti, Giletti ha firmato per rimanere a la7.
 In Rai si rischia poco e si va sull’usato sicuro con cambi di alcuni conduttori qua e là, di stretta osservanza sovranista.  In Mediaset si rischia nulla e si va sull’usato sicuro con cambi di conduttori per dispetti nel pollaio. Nella tv di Stato  salta Mezzogiorno in famiglia, alto share e tv per tutti. Scompaiono le preparate conduttrici Benedetta Rinaldi a Uno Mattina e Daniela Ferolla da Linea Verde della domenica, retrocessa al sabato, scansando un’altra brava,  la Giallonardo.  Così quel Friscia che, nel deficit di presentatori simpatici, one man show, diceva la sua. Riponiamo le gioie in Report, in Sveva Sagramola a Geo&Geo, in Fiorello che ritorna in Rai (ma a mezza bocca. Peccato, non rifarà l’edicola trasmessa su Sky), in Max Tortora. E in ‘Adrian’ Celentano a Canale 5, il nonno brontolone che se parla meglio è.  La noioseria è servita.  Pastura di tv generalista che  resisterà a Netflix e Amazon. Gli adolescenti, target da fatturato, udite udite, guardano gli show su tablet e smartphone.  Gratis è meglio. Sarà per questo che la Rai si è impuntata con rai play e Piero Angela? La pubblicità va a radio e internet. I consumi non crescono. Il rapporto è 130 anziani e 100 teenager. Solo il 28% dei giovani hanno meno di 30 anni. Tira la réclame di assicurazioni, tempo libero  e salute. Calano auto, casa e abbigliamento.
Chiarissimo, i contenuti della prossima stagione televisiva sono lo specchio dell’invecchiamento della nazione
 

Blog di: 
Maurizio Guandalini
Ultimi articoli da questo blog

Un mio editoriale su L'Huffington Post

Per leggerlo basta cliccare il link che segue

Un mio editoriale su L'HUFFINGTON POST

Per leggerlo basta cliccare il link che segue:

Un mio editoriale su Metro - Quotidiano

per leggerlo online basta cliccare il link che segue

http://www.metronews.it/19/09/13/leredit%C3%A0-del-golfista-da-tiri-lung...