Skype bloccato per diverse ore: caos nelle comunicazioni

Sono gli effetti della globalizzazione e della centralizzazione dei servizi su un unico o su pochi operatori. E’ bastato qualche malfunzionamento sui server di Skype per lasciare “a terra” milioni di utenti e tenerli disconnessi per ore.
Sicuramente molti non conoscono Skype o magari lo conoscono ma non lo usano abitualmente per la comunicazione. E’ interessante sapere che è molto usato nella comunicazione tra imprese e soprattutto nelle chiamate internazionali anche in videoconferenza. Sono all’ordine del giorno, ormai, innumerevoli videoconferenze che evitano che anche consigli di amministrazione o importanti riunioni necessitino di lunghi spostamenti. Ebbene, l’altro giorno Skype ha bloccato la quasi totalità dei suoi utenti e non per pochi minuti bensì per svariate ore.
Al di là del dettaglio tecnico di cosa possa essere successo nasce un interrogativo molto importante che viene in mente in momenti come questo: la globalizzazione e l’accentramento di una gran quantità di utenze e servizi su un unico operatore non è forse rischio di debolezza? In fondo è bastato così poco per disconnettere il mondo intero. Certo, c’erano innumerevoli alternative ma tutti coloro i quali avevano programmato l’uso di Skype quel giorno di certo non hanno avuto modo di usare alternative valide da attivare in pochi minuti.

Blog di: 
Salvo Amato
Ultimi articoli da questo blog

Osservando sempre più da vicino il fenomeno social non solo dal punto di vista della dipendenza capita sempre più spesso da insegnante di vedere cosa i nostri studenti scrivono o, meglio, condividono sui social.

Quando si parla di sicurezza sembra scrivere delle ovvietà ma poi basta riflettere un attimo e rendersi conto che tali non sono. 

In questi giorni si svolgono diverse iniziative che servono ad avvicinare giovani e giovanissimi alla programmazione ovvero al coding.  Sì, è vero, è un nuovo termine informatico tra i piedi che anche a me non sta proprio simpatico.