Il cavo lightning di Apple continua ad essere fuori legge in UE per fare profitti

Qualche anno fa, nel 2009 la Comunità Europea decise di porre fine alla guerra degli alimentatori dalle forme più svariate, anche in linea con il rispetto per l’ambiente, per adottare uno standard per legge: USB tipo B. Da allora tutti i produttori di tablet e smartphone adottano questo standard e forniscono cavi standard per la carica e la sincronizzazione. Tutti tranne uno: Apple. Eppure Apple sedeva al tavolo delle 14 principali compagnie che firmarono l’accordo secondo il quale avrebbe dovuto fornire dispositivi con alimentazione via usb tipo B. 

Come sappiamo lo standard adottato da Apple è ben diverso. Apple adotta un cavo denominato lightning dalla forma completamente diversa, ciò non tanto per un fatto tecnologico quanto per un fatto tipicamente di marketing. Il cavo lightning contiene al suo interno almeno 4 microchip che ne certificano la sicurezza ovvero l’impossibilità da parte di altre case di produrre cavi senza l’esplicita autorizzazione di Apple. E’ risaputo, infatti, che i classici cavi compatibili dal costo di qualche euro non funzioneranno dopo un certo numero di utilizzi poiché il dispositivo, iPhone o iPad che sia, si rifiuterà di farsi caricare una volta appurata l’assenza di microchip nel connettore. 

Il costo dei cavi dimostra egregiamente le intenzioni puramente di marketing messe a punto da Apple. In effetti è difficile trovare un banale cavetto di alimentazione a meno di 20 euro quando il costo di produzione è di un paio di euro. E la direttiva UE? Candidamente aggirata mediante la commercializzazione di un adattatore da lightning a usb tipo B. Ma non si era detto che lo standard UE doveva servire per ridurre il numero di alimentatori in una normale abitazione? La soluzione di Apple di fatto aumenta il numero di cavetti e alimentatori per via della diversità ma, si sa, il potere di una multinazionale di questa portata forse è difficile da contrastare con normali leggi comunitarie.

Blog di: 
Salvo Amato
Ultimi articoli da questo blog

Osservando sempre più da vicino il fenomeno social non solo dal punto di vista della dipendenza capita sempre più spesso da insegnante di vedere cosa i nostri studenti scrivono o, meglio, condividono sui social.

Quando si parla di sicurezza sembra scrivere delle ovvietà ma poi basta riflettere un attimo e rendersi conto che tali non sono. 

In questi giorni si svolgono diverse iniziative che servono ad avvicinare giovani e giovanissimi alla programmazione ovvero al coding.  Sì, è vero, è un nuovo termine informatico tra i piedi che anche a me non sta proprio simpatico.