False email dalla Procura di Torino: se vi arrivano cestinatele immediatamente!

Le indagini sono in corso e questa volta la polizia postale si è messa subito in moto per diffondere la notizia dell'ennesima ondata di phishing che stavolta coinvolge la Procura della Repubblica di Torino.

"La presente per comunicarle che il suo patrimonio immobiliare, così come il suo conto corrente bancario, verranno posti in arresto con l'accusa di mancato pagamento delle imposte e concorso in riciclaggio di denaro, ad effetto della causa numero..".  Subito dopo appare il numero di procedimento cliccando sul quale parte il download del virus anzichè informazioni su come ricorrere in appello e impugnare la sentenza che addirittura parla di rischio fino a 15 anni di reclusione. Il fenomeno si è diffuso a macchia d'olio soprattutto tra le caselle email dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni. Pare che oggi, 27 maggio 2016 siano destinati tutti a comparire dinanzi al giudice.

La chicca finale è affidata ai cenni alla normativa sulla privacy definita sempre nella mail incrimiata

Il consiglio che può essere dato in questi casi è quello di cestinare senza esitazione la falsa email.

Blog di: 
Salvo Amato
Ultimi articoli da questo blog

Osservando sempre più da vicino il fenomeno social non solo dal punto di vista della dipendenza capita sempre più spesso da insegnante di vedere cosa i nostri studenti scrivono o, meglio, condividono sui social.

Quando si parla di sicurezza sembra scrivere delle ovvietà ma poi basta riflettere un attimo e rendersi conto che tali non sono. 

In questi giorni si svolgono diverse iniziative che servono ad avvicinare giovani e giovanissimi alla programmazione ovvero al coding.  Sì, è vero, è un nuovo termine informatico tra i piedi che anche a me non sta proprio simpatico.