Whatsapp ora è sicuro

WhatsApp si adegua: ci sono –infatti- disponibili on line chat molto più sicure, come Telegram. Annunciata e già attiva su alcuni account la criptazione dei messaggi che passano per la piattaforma proprietà di Facebook. Qualcuno, infatti, si sarà trovato un alert che recita più o meno: da oggi le conversazioni saranno cifrate end to end. Sono circa un miliardo gli utenti del servizio di messaggistica più diffuso al mondo, non molto protetto fino ad oggi, invero. Il perno sul quale si fonda l’aggiornamento è la sicurezza, visto che, come scrive pubblicamente Koum –fondatore della piattaforma - "gli sforzi per indebolire la cifratura dei dati espongono le informazioni delle persone all'abuso di cybercriminali, hacker e Stati canaglia". Da adesso in poi ogni messaggio, video e pic saranno codificati di default se il mittente e il destinatario useranno entrambi l'ultima versione dell’applicazione. Anche le chat di gruppo e le chiamate vocali saranno criptate. Visivamente i messaggi appaiono protetti con un lucchetto, automaticamente. Nessuno, in teoria, accederà e intercetterà quanto scriviamo, chini sullo smartphone, per molte ore al giorno. Ora potremo mandare su WhatsApp messaggi compromettenti, visto che verranno visualizzati in chiaro solo da chi manda e riceve. Si prevede una impennata del #sexting, ovvero delle pic in atteggiamenti osé. Attenzione, però, agli screenshot cioè alla foto del video con quanto in esso contenuto: conversazioni o immagini. #Facebook ha voluto comunque dare una risposta forte e chiara alle violazioni, operate con successo, dall’FBI sui cellulari dei terroristi, schierandosi dalla parte della privacy.

Blog di: 
Alessia Chinellato
Ultimi articoli da questo blog

Mai come ora pubblico e privato si mischiano in un’alchimia inquinata dai veleni del risentimento, che quasi sempre accompagna la fine di un amore.

Nasce in California e ha già 60.000 persone iscritte la piattaforma GoPillar, nata per bandire on line il miglior progetto possibile per la ristrutturazione o la creazione di spazi – vecchi e nuovi -  attraverso dei concorsi pubblici e gratuiti.

Uno stop, per calmierare il tempo passato on line. Anche Facebook corre ai ripari dopo i cugini Apple e Google, introducendo strumenti per monitorare il tempo trascorso on line.