#Volontari per un giorno

Se volete passare un Natale diverso, lontani dalle abbuffate e dedicare qualche ora del vostro tempo ai meno fortunati, potete fare i volontari alle mense di @‪santegidionews oppure alla @CaritasItaliana. Basta contattarli.

Gli indirizzi sono reperibili sui rispettivi siti internet e c’è sempre bisogno di una mano, soprattutto in questi giorni di festa. Vi trasformerete in angeli metropolitani che, stufi dei soliti riti ameni casalinghi, fatti di tombole e torroni, si trasformano in angeli.  Trasformatevi in anime belle, come quelle che aiutano. Simili tra simili. Giovani e meno giovani. Come quelli dell'ospite che spero di rincontrare quest’anno. Conosce a memoria la Divina Commedia, neanche fosse Benigni, anche se la recita senza alcuna inflessione dialettale. Come la signora sdentata, chiamata da tutti 'contessa', che viene imbellettata e fiera, alla mensa sociale. Sta nelle pieghe dei nostri gesti semplici, negli sguardi di tanti pensionati soli, che non mancheranno di indossare la cravatta per l'occasione festiva, la vera anima del Natale, laicamente inteso. I sentimenti, i modi di vedere la vita, la voglia di esprimersi sono in chiaro. Impossibile nascondersi. Specchio di un disagio che è proprio di chi serve, ma un pò anche di chi è ospite, il volontariato resta quel filo sottile che lega mondi troppo spesso sconosciuti. Occhi senza pretese a consumare un pasto semplice, mentre in case piene di luci si celebra il rito dello spreco alimentare. Un bell'esempio -per chi ne ha voglia- in questi giorni di festa, di fare qualcosa di valido. Buon Natale!

p.s. C'è bisogno di Panettoni e Pandori: se vi avanzano, ovviamente intonsi, portateli alla mensa per i poveri più vicina a Voi. 

Blog di: 
Alessia Chinellato
Ultimi articoli da questo blog

Uno stop, per calmierare il tempo passato on line. Anche Facebook corre ai ripari dopo i cugini Apple e Google, introducendo strumenti per monitorare il tempo trascorso on line.

Esiste un confine tra visibile e invisibile, dove la materia e lo spirito, che ci appaiono così separati e lontani tra loro, coesistono in perfetta armonia?

Olografo. Firmato. Depositato. Questo era, in tre parole, il testamento. Tanto bastava. Per salvaguardare il patrimonio materiale del de cuius. Ma: c’è altro. L’eredità eterica. Ciò che ha lasciato nel cloud.