#Takemeout

Take me out ovvero letterlamente "portami fuori" ricalca il format già collaudato in Australia dal 2008 e in vigore in molti paesi dove ha spopolato. In Italia a dirigere questo inedito speed date ci sarà il simpaticissimo cupido Gabriele Corsi (su Twitter @corsi_gabriele) che vedremo dal lunedì al venerdì alle 20.10 dal 4 gennaio su @realtimetvit . Un ragazzo single viene letteralmente calato in un'arena attraverso un ascensore dove 30 avvenenti ragazze lo sottoporranno a una serie di domande, mentre lui cercherà di fare colpo, almeno su una di loro. Dopo un breve video - quasi uno snuff movie - a raccontare il quotidiano trascorso dell'uomo in palio, il protagonista metterà a fuoco le proprie passioni. Tre giri di giostra per stabilire se ne vale la pena. Così, se al termine del processo - fatto di parole che tagliano l'aria -  le ragazze interessate a conoscerlo saranno più di due, il fortunato potrà scegliere con quale uscire. Per davvero. #Blackout invece se il tipo non riscuoterà interesse. E, così, avanti un altro. Inutile dire che, per far sì che il lucore dei led resti acceso, il fighetto di turno dovrà fare sfoggio di canagliume d'alto lignaggio. Non solo: andrà avanti chi sarà capace di provocare una reazione. Qualcosa di fisico: senza schermi. Un tempo - seppure breve - per una connessione umana più autentica. Il programma non ha un hashtag italianizzato, ma si riallaccia a quello già utilizzato nei 28 paesi dove va in onda come #takemeout. Non esiste - al momento - neanche una pagina Facebook dedicata alla versione italiana, ma forse in futuro verrà attivata. Intanto, stasera, tutti pronti alle 20.10, per commentare la prima puntata. #takemeout 

Blog di: 
Alessia Chinellato
Ultimi articoli da questo blog

Uno stop, per calmierare il tempo passato on line. Anche Facebook corre ai ripari dopo i cugini Apple e Google, introducendo strumenti per monitorare il tempo trascorso on line.

Esiste un confine tra visibile e invisibile, dove la materia e lo spirito, che ci appaiono così separati e lontani tra loro, coesistono in perfetta armonia?

Olografo. Firmato. Depositato. Questo era, in tre parole, il testamento. Tanto bastava. Per salvaguardare il patrimonio materiale del de cuius. Ma: c’è altro. L’eredità eterica. Ciò che ha lasciato nel cloud.