#Selficidio: ultima frontiera

Gravi disturbi psichiatrici e impossibilità di staccarsi dallo #smartphone. Non bastava la nomofobia, ovvero lo stress da mancanza di connessione, che le recenti festività ci hanno portato. Adesso si parla addirittura di #selficidio. Sarebbero una mezza dozzina i pazienti in cura in un ospedale indiano per questa sindrome ossessivo compulsiva da #selfie.  

“Disordine dismorfico del corpo” ovvero incessante bisogno di mettersi in posa davanti al cellulare, fino a sviluppare una patologia. La continua modifica con filtri delle #pic porta allo snaturamento della propria identità, per mascherare difetti reali o presunti. 

La chiusura dietro un’immagine di se stessi irreale è una sintomatologia che colpisce più le donne che gli uomini, fino a portarli alla depressione, quasi senza accorgersene. Meditiamo tutti. Non è lo specchio delle nostre brame, ma l’avverarsi di una società sempre più visuale e immaginaria. Dove la ricerca dell’apprezzamento #social ci porta a fare qualsiasi cosa, pur di raccattare #likes.  

Ma, in realtà, siamo quel che siamo: esseri imperfetti. 

Blog di: 
Alessia Chinellato
Ultimi articoli da questo blog

Uno stop, per calmierare il tempo passato on line. Anche Facebook corre ai ripari dopo i cugini Apple e Google, introducendo strumenti per monitorare il tempo trascorso on line.

Esiste un confine tra visibile e invisibile, dove la materia e lo spirito, che ci appaiono così separati e lontani tra loro, coesistono in perfetta armonia?

Olografo. Firmato. Depositato. Questo era, in tre parole, il testamento. Tanto bastava. Per salvaguardare il patrimonio materiale del de cuius. Ma: c’è altro. L’eredità eterica. Ciò che ha lasciato nel cloud.