Metti un viaggio con #Babaiola

Babaiola è la community di travel and entertainment dedicata al mondo LGBT, ovvero al comunità Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender.  Attraverso la piattaforma è possibile pianificare una vacanza #Gayfriendly e scambiare consigli con migliaia di altri viaggiatori LGBT. L'acquisizione e la proliferazione degli utenti della comunità LGBT ha un costo di circa 4 euro ciascuno. Allo stesso tempo, la carenza e frammentarietà delle informazioni disponibili per i viaggiatori LGBT li costringe ad utilizzare canali alternativi, sprecando una quantità significativa di tempo. Grazie a forti strategie di marketing, #Babaiola è in grado di acquisire gli utenti a un costo minore, pari a circa 0,35 centesimi per utente. La piattaforma permette di pianificare il proprio viaggio e scambiare informazioni con un numero potenzialmente infinito di utenti. Grazie al volume di engagement creato sulla sua piattaforma, Babaiola è in grado di offrire servizi di pubblicità per i prodotti di terze parti o fare affiliazioni con latre società.

Un mercato crescente, che non si nasconde più e che cerca posti mediamente raffinati quello dei viaggi LGBT. Cresce a ritmo sostenuto, con un più 29% l'anno. Si rivolge ad un target di persone che viaggiano mediamente il doppio degli eterosessuali, hanno un reddito più alto del 38% rispetto alla media e sono spesso senza figli e con ampio potere di acquisto.

Un’idea innovativa, in un mondo che non è più possibile ignorare. Inaugurata a settembre la piattaforma ha raggiunto in poche settimane oltre 10 mila utenti registrati. E questo è solo l’inizio. 

Blog di: 
Alessia Chinellato
Ultimi articoli da questo blog

Uno stop, per calmierare il tempo passato on line. Anche Facebook corre ai ripari dopo i cugini Apple e Google, introducendo strumenti per monitorare il tempo trascorso on line.

Esiste un confine tra visibile e invisibile, dove la materia e lo spirito, che ci appaiono così separati e lontani tra loro, coesistono in perfetta armonia?

Olografo. Firmato. Depositato. Questo era, in tre parole, il testamento. Tanto bastava. Per salvaguardare il patrimonio materiale del de cuius. Ma: c’è altro. L’eredità eterica. Ciò che ha lasciato nel cloud.