L’equilibrio incauto dell’amore

Mai come ora pubblico e privato si mischiano in un’alchimia inquinata dai veleni del risentimento, che quasi sempre accompagna la fine di un amore. Questo il senso del post caricato su Instagram in cui – con una foto molto privata di Salvini e Isoardi ritratti a letto-  la bella giornalista ha dato l’addio al suo ormai ex compagno.

Il post ha fatto il giro dei social network, scatenandone l’ira e l’ironia: ma va bene, purché se ne parli. Tecnicamente si parla di selfie aftersex: quella foto presa di soppiatto o consapevolmente nel talamo, felici. Da rivendersi in futuro. Per ostentare un amore che è stato o per rivendicare una notorietà che non sarà più la stessa. O, semplicemente, per vendicarsi.  #Instagram appunto, il più visual dei social, dove la Isoardi è molto seguita. Predilige un pubblico giovane, cui si rivolge con un messaggio visivo: sono le foto a darlo più che le parole. Un uomo ignudo, coccolone, con gli occhi chiusi, nelle mani della Circe imbellettata che non si risparmia agli occhi del mondo. Mentre la risposta di Salvini, su Facebook, è a mezzavia, perché questo social, più universalmente utilizzato in Italia, associa ad una foto del Vice presidente del Consiglio, un testo accattivante ed esplicativo allo stesso tempo, in quella che sembra una arguta nota stampa di addio on line. A ribadire che non esiste più cesura tra gossip e politica.

Blog di: 
Alessia Chinellato
Ultimi articoli da questo blog

Vacanze italiane, in auto. Per lo più in famiglia, quasi certamente in Italia. Dicono che il 60 % degli italiani non si sia mosso. Ma a ben vedere le città sono desolatamente deserte. Si rianimano, poco, alla sera.

Strane vacanze post covid, alla scoperta dei borghi nostrani. Comunque col telefonino e la mascherina. Ogni smartphone ha una macchina fotografica all'interno. Di ottima qualità. Tanto che - con l’avvento degli smartphone-  il mercato delle macchine fotografiche si è ridotto dell’87%.

Violenza inaudita, giochi assurdi. Foto raccapriccianti. E chissà cos’altro.  Pare che l'adolescenza sia scomparsa. Un'età che non esiste più. Nativi digitali, i nostri figli imparano prima e meglio di noi a destreggiarsi nell’etere. E non sanno più cosa sia la manualità.