The Imitation Game

Forse non tutti sanno che ad inventare il primo computer fu un omosessuale, magistralmente interpretato nel film Imitation Game da Benedict Cumberbatch.
Un ruolo difficile, di una persona geniale e allo stesso tempo debole dal punto di vista emotivo, incapace talvolta di gestire le proprie relazioni personali. Qualcosa di molto vicino agli attuali nerd, ossia chi possiede una certa predisposizione per la tecnologia ma è al contempo tendenzialmente solitario e con una più o meno ridotta propensione al socializzare.
Seconda guerra mondiale: la Germania sta mettendo a ferro e fuoco l'Europa, impartendo ordini con un sistema che nessuno riesce a decriptare. Il lavoro instancabile e ingegnoso del matematico Turing, attraverso mille peripezie, riuscirà a decifrare Enigma, l'infallibile codice di comunicazione nazista. Sono circa 14 milioni le persone, tra civili e militari, che sono state salvate con le preziose informazioni ottenute. Si dice che persino lo sbarco in Normandia sia stato organizzato dopo aver intercettato alcuni messaggi nazisti criptati con Enigma.
Sullo sfondo un'Inghilterra becera, dove l'omosessualità era un reato e la meravigliosa invenzione di Turing, assieme alla sua anima geniale e al contempo gracile, soccombe per la condanna avuta nel 1952, per atti osceni. Per sottrarsi al carcere Turing accetto' la castrazione chimica, per poi suicidarsi, due anni più tardi, a soli 41 anni.
Ci sono voluti 60 lustri per riabilitarlo, visto che la Regina Elisabetta II ha concesso il perdono reale solo nel 2013, mentre il ministro della giustizia britannico ha dichiarato come "Turing merita di essere ricordato e riconosciuto per l'apporto fornito negli anni della Guerra. Il suo lavoro ha contribuito ad accorciare la durata del conflitto, salvando la vita a migliaia e migliaia di persone. I suoi ultimi anni di vita sono stati messi in ombra dalla sua omosessualità, ma la sentenza di condanna non fu giusta allora e non lo sarebbe tutt’oggi. Il perdono della Regina è il giusto tributo ad un uomo eccezionale”. Un film delicatissimo, che lascia trasparire il dolore oscuro che spesso aleggia intorno alle persone geniali. La scommessa vertiginosa che il matematico porta avanti mal si concilia con la sua incapacità di saper vivere, semplicemente. E sta nei suoi grandi occhi, colmi di sciagura, la creatura goffa e raffazzonata, capace però di salvare il mondo.
Da vedere. Assolutamente.

Blog di: 
Alessia Chinellato
Ultimi articoli da questo blog

Mai come ora pubblico e privato si mischiano in un’alchimia inquinata dai veleni del risentimento, che quasi sempre accompagna la fine di un amore.

Nasce in California e ha già 60.000 persone iscritte la piattaforma GoPillar, nata per bandire on line il miglior progetto possibile per la ristrutturazione o la creazione di spazi – vecchi e nuovi -  attraverso dei concorsi pubblici e gratuiti.

Uno stop, per calmierare il tempo passato on line. Anche Facebook corre ai ripari dopo i cugini Apple e Google, introducendo strumenti per monitorare il tempo trascorso on line.