Guida al testamento digitale

Olografo. Firmato. Depositato. Questo era, in tre parole, il testamento. Tanto bastava. Per salvaguardare il patrimonio materiale del de cuius. Ma: c’è altro. L’eredità eterica. Ciò che ha lasciato nel cloud. I suoi profili social, compresi gli eventuali acquisti non pagati on line, così come gli eventuali accrediti. Le transazioni appese, le domande sospese.

Password, account, foto, post. Insomma la vita, quella digitale, che corre fluida accanto a quella reale e – forse – impatta anche di più dell’altra, sul quotidiano. Finché esiste. Ecco comparire una nuova figura. Non quella dei funerali on line, pura stravaganza per chi non si vuol spostare, ma di chi ci fa un #backup continuo della vita. Perché – recita il vecchio adagio – di doman non c’è certezza. #BackUpYourLife è la piattaforma che si propone di raccogliere le proprie volontà – sempre modificabili –  proprio come qualsiasi testamento, su quel che dovrà accadere della propria vita on-line.

Con circa 350 euro è possibile archiviare, previo colloquio individuale, condividere o inviare a determinati “account eredi” la propria produzione testuale o grafica on-line così come le password. Gli eventuali pagamenti da effettuare o ricevere. Sono maggiormente le nuove generazioni - che pure campano con i moderni mestieri offerti dalle nuove tecnologie – a preoccuparsi di redigere dei testamenti digitali (persone tra i 30 e i 40 anni); persone molto attente, comunque a tutelare la propria privacy e che non cedono password, consci che i dati personali verranno archiviati in una piattaforma blindata, che verrà aperta solo in caso di decesso. Proprio come farebbe un notaio, virtuale. 

Blog di: 
Alessia Chinellato
Ultimi articoli da questo blog

Mai come ora pubblico e privato si mischiano in un’alchimia inquinata dai veleni del risentimento, che quasi sempre accompagna la fine di un amore.

Nasce in California e ha già 60.000 persone iscritte la piattaforma GoPillar, nata per bandire on line il miglior progetto possibile per la ristrutturazione o la creazione di spazi – vecchi e nuovi -  attraverso dei concorsi pubblici e gratuiti.

Uno stop, per calmierare il tempo passato on line. Anche Facebook corre ai ripari dopo i cugini Apple e Google, introducendo strumenti per monitorare il tempo trascorso on line.