Ferragosto? Al lavoro!

Chi ha voglia di lavorare e non ha avuto la possibilità di andare in vacanza per motivi economici e - come si dice in gergo - ha un mestiere in mano, può trovare molte opportunità in questo caldo ferragosto italico.
Giardiniere, imbianchino, trasportatore, badante, idraulico o meccanico? In questi giorni datevi da fare. Potete racimolare più di qualche euro, guadagnato onestamente. Se, come è vero, i braccianti sono sempre più italiani e sempre meno stranieri, spesso sfruttati come lavoratori immigrati, per 3 o 4 euro l'ora, perchè non pubblicare in rete le proprie professionalità, messe a tacere in questo periodo, ritenendo - erroneamente - che nel periodo agostano sia tutto fermo?
Non è così: le cicale friniscono, le città si svuotano, ma non come una volta. 
Esiste una App, per ora disponibile su Android e -a breve- anche per IPhone, che mette in collegamento domanda e offerta di lavoro. Si chiama Gogojobo. L'accesso avviene attraverso Facebook, oppure iscrivendosi via e-mail. Si decide se essere Jobber oppure Boss e candidarsi  per un posto oppure cercare una professionalità, magari anche solo dare ripetizioni a chi ha un debito da recuperare a scuola. La differenza rispetto agli altri numerosi siti che offrono servizi similari è la specificità e la formula, che mette in contatto tra loro solo privati.
Altro punto di forza sta nella geolocalizzazione. Inutile mettersi in contatto con qualcuno che si vede stare dall'altra parte della città: sarebbe troppo oneroso. Provare per credere. Maggiori informazioni sul sito www.gogojobo.it.
 

Blog di: 
Alessia Chinellato
Ultimi articoli da questo blog

Uno stop, per calmierare il tempo passato on line. Anche Facebook corre ai ripari dopo i cugini Apple e Google, introducendo strumenti per monitorare il tempo trascorso on line.

Esiste un confine tra visibile e invisibile, dove la materia e lo spirito, che ci appaiono così separati e lontani tra loro, coesistono in perfetta armonia?

Olografo. Firmato. Depositato. Questo era, in tre parole, il testamento. Tanto bastava. Per salvaguardare il patrimonio materiale del de cuius. Ma: c’è altro. L’eredità eterica. Ciò che ha lasciato nel cloud.