Ecco la #bici del futuro

Si sa: la bicicletta ha ripreso piede. Nei periodi di “magra” torna sempre in gran voga: gli ultimi dati disponibili parlano – per l’Italia - di 1.600.000 bici vendute contro 1.400.000 automobili. Di pari passo crescono i furti. Black Box è un software che può essere installato sulle due ruote: una sorta di scatola nera che può rilevare la posizione della bicicletta: ha all’interno un antifurto. Rileva gli incidenti, avverte se si va troppo veloci e traccia il percorso seguito.La bike è un buon mezzo di trasporto se si percorrono tragitti brevi e senza particolari salite. Con la stanchezza e in condizioni disagiate, fosse pure un acquazzone improvviso, tutti vorrebbero una bici elettrica, i cui costi, però, sono piuttosto alti: raramente sotto i mille euro. Ecco allora FlyKly, un’altra invenzione in grado di rivoluzionare il mondo: una ruota capace di trasformare instantemente una bici normale in una elettrica. Ogni ciclo può essere inoltre adattato al terreno percorso, gestendolo in maniera piuttosto semplice, attraverso uno smartphone. Prima di partire si imposta la meta e si può optare per il percorso più veloce, piuttosto che quello più sicuro o meno trafficato. Il sistema è in grado di rilevare lo spostamento della bici e quindi di comunicare l’eventuale furto al proprietario. Smarthalo – che sarà presumibilmente disponile da metà 2016 al costo di circa 90 euro- offrirà, più semplicemente, un sistema di navigazione a ogni ciclista. Oltre a calcolare le distanze, stimando le calorie bruciate e fornendo una funzione di bike location, ricorderà all’utente dove è stata sistemata la bicicletta. Non ci sarà inoltre bisogno di portare con sé il dispositivo in quanto, utilizzando un sistema di chiusura militare, è a prova di manomissione. Per vedere in anteprima queste bici domotiche l’invito per tutti è quello di recarsi al Maker fair che avrà luogo a Roma dal 16 al 18 ottobre. Saranno circa 700 gli inventori che vi parteciperanno e le sorprese non mancheranno.Viene in mente l’adagio di Totò: “Per andare dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare?

Blog di: 
Alessia Chinellato
Ultimi articoli da questo blog

Uno stop, per calmierare il tempo passato on line. Anche Facebook corre ai ripari dopo i cugini Apple e Google, introducendo strumenti per monitorare il tempo trascorso on line.

Esiste un confine tra visibile e invisibile, dove la materia e lo spirito, che ci appaiono così separati e lontani tra loro, coesistono in perfetta armonia?

Olografo. Firmato. Depositato. Questo era, in tre parole, il testamento. Tanto bastava. Per salvaguardare il patrimonio materiale del de cuius. Ma: c’è altro. L’eredità eterica. Ciò che ha lasciato nel cloud.