#DonGo: il baby alert che salva la vita

Ragazzo universitario, faccia pulita, grande dimestichezza con il mondo informatico e i social network.

E’ così che nasce e si sviluppa un’idea. @cla_cuccovillo ha inventato così, insieme ad altri colleghi, #DonGo, un sistema capace di stoppare le morti dei bambini dimenticati in auto da soli. Sono circa 2000 gli infanti lasciati ogni anno soli in Europa in macchina e 600 quelli morti negli ultimi 10 anni. Lo stress, talvolta, distrae completamente genitori pure attenti e – statisticamente – con un alto livello di educazione.

Un baby-alert pensato per la vita di tutti i giorni, che mette in contatto gli utilizzatori della cerchia familiare -in caso di emergenza -  aiutando nella ricerca del bambino.

Il cellulare e il seggiolino sono – infatti - collegati in bluetooth. Quando il telefonino si allontana troppo dal seggiolino il sistema manda un avviso sullo smartphone del guidatore e dei parenti prossimi salvati come tali nell'app. 

Un modo innovativo di salvare vite innocenti. Non dimentichi di quanto accaduto nel recente passato, in cui genitori troppo presi dagli impegni quotidiani hanno “dimenticato” i propri figli in auto, lasciandoli perire tra mostruose atrocità.

Il sistema è disponibile in lingua inglese ed italiana e si presenta come un valido supporto per aiutare i genitori nel loro difficile mestiere. 

Al fine di rintracciare i fondi necessari per poter avviare la produzione definitiva e metterla in commercio verrà avviata dal giorno 25 novembre una campagna di crowdfunding su #Kickstarter, per ogni informazione aggiuntiva basta collegarsi su don-go.org

Blog di: 
Alessia Chinellato
Ultimi articoli da questo blog

Mai come ora pubblico e privato si mischiano in un’alchimia inquinata dai veleni del risentimento, che quasi sempre accompagna la fine di un amore.

Nasce in California e ha già 60.000 persone iscritte la piattaforma GoPillar, nata per bandire on line il miglior progetto possibile per la ristrutturazione o la creazione di spazi – vecchi e nuovi -  attraverso dei concorsi pubblici e gratuiti.

Uno stop, per calmierare il tempo passato on line. Anche Facebook corre ai ripari dopo i cugini Apple e Google, introducendo strumenti per monitorare il tempo trascorso on line.