“Io, da top manager a influencer over 40”

  • WEB

ROMA Il suo motto è : «C’è vita dopo i 40...e che vita”. Una laurea in biologia, una prestigiosa borsa di studio per la ricerca vinta negli Stati Uniti e una carriera folgorante presso le principali case farmaceutiche in Italia. Eppure oggi Selvaggia Capizzi, 49 anni, dopo la decisione radicale di cambiare vita,  è  la più seguita influencer di moda over 40, grazie al suo blog “Don’t call me fashion blogger”, che ha conquistato 1 milione e mezzo di utenti, e un profilo Instagram da 120 mila followers.

Quando e perché ha deciso di stravolgere la sua attività lavorativa?
Ho lavorato nel mondo farmaceutico per oltre 20 anni. A un certo punto mi sono resa conto che avevo già visto tutto. Mi mancava poco per arrivare al vertice dell’ultima azienda in cui lavoravo, il mio obiettivo era arrivare ad essere l’amministratore delegato. Sul più bello però ho detto basta. Lavoravo a Milano, mentre muo figlio piccolo e mio marito erano a Roma. Sono arrivata a lavorare anche 18 -20 ore al giorno. MI sentivo terribilmente in colpa nei confronti di mio figlio, che oggi ha 11 anni. La svolta per me è arrivata a 46 anni.

Così dal nulla si è improvvisata fashion influencer?
Non dal nulla. Già dal 2008 avevo aperto un blog, in cui parlavo di tutto, dalla moda alla cucina, allo sport. Già allora venivo contattata da diverse case di moda per le collaborazioni. Solo cha a un certo punto ho dovuto affidare tutto il sito a dei collaboratori, perché io non riuscivo più a seguirlo da sola, tra lavoro ufficiale e famiglia. Poi tre anni fa ho deciso di riprenderlo in mano.

I collaboratori sono sempre gli stessi?
Oggi faccio tutto da sola. Stipulo i contratti con i vari brand, organizzo gli shooting, edito le foto e scrivo i post. Sono stata brava a osservare e imparare dai miei ex collaboratori.

A cosa deve il suo successo?
La cosa più importante è scegliere bene le parole dei post, per essere indicizzata dai motori di ricerca. Ho imparato tutto dal mio web master. Inoltre è fondamentale creare dei contenuti, che possano essere utili a chi cerca consigli sui temi più disparati: cosa indossare, le ultime novità in temadi belleza e fitness, come vestire i figli, il marito, il fidanzato, dove andare in vacanza. Le persone vogliono condividere la loro vita. E poi credo che a colpire nel segno sia  anche un  modo non convenzionale di vestirsi, oltre a una grande dose di autoironia. Prendersi troppo sul serio non funziona mai.

Adesso che lavora in proprio, la sua vita è migliorata?
Assolutamente sì- Basta guardare alcuni miei video o interviste fatte quando ancora lavoravo in azienda e vedermi oggi. Anche fisicamente ero distrutta dala fatica. Oggi sono una donna che sa prendersi cura di se stessa, più sana, e che ama condividre la sua esperienza con gli altri.

Quante ore lavora oggi?
Ancora troppe, 10-12 ore al giorno. Gestisco i social da sola, ma lavorando da casa, riesco anche a seguire mio figlio e a stare di più con io marito.

Secondo Yahoo finance, lei è uno dei 9  influencer da tenere d’occhio nel 2020. Dove vuole arrivare?
Il mio obiettivo ora è essere l’influencer di riferimento per le over 50, per dimostrare a tutti che la vita è più bella quando c’è maggiore consapevolezza di se stessi.

VALERIA BOBBI

Articoli Correlati

Instagram, in 10 anniregno degli influencer

È passato da 1 milione a un miliardo il numero di appassionati del social network più utilizzato nel 2020

Ferragnez e Codacons Nuovo round

L'associazione dei consumatori denuncia la fashion blogger per blasfemia. Il marito Fedez: “Ci mancavate”

Internet festeggiamezzo secolo di vita

La notte del 29 ottobre 1969 la prima trasmissione tra due computer