Acea: per la Capitale due milioni di contatori "Smart"

  • acea

ROMA È un investimento imponente quello che Acea ha messo in campo per i suoi utenti a Roma e Formello. L'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) ha infatti approvato il Piano di Messa in Servizio del sistema di smart metering (PMS2) presentato da Areti, la società del Gruppo Acea che gestisce le attività di distribuzione e energia elettrica nella Capitale e, per  l'appunto, a Formello.

A partire da Ottobre i vecchi contatori delle utenze saranno sostituiti da quelli funzionanti con Tecnologia di Seconda Generazione (2G), con enormi benefici dal punto di vista dei risparmi e dell'efficienza ambientale. I nuovi dispositivi infatti aggiornano i dati degli utenti ogni 15 minuti, consentendo così di monitorare costantemente le abitudini sui consumi domestici e indirizzarle in modo più conveniente. Sarà anche consentito e favorito l'utilizzo di servizi avanzati per migliorare l'efficienza energetica e la salvaguardia ambientale. Inoltre i contatori "smart" sono in grado di individuare in tempi brevissimi eventuali malfunzionamenti delle reti locali di distribuzione di energia elettrica o dei misuratori riducendo notevolmente i disagi. 

Il piano da 300 milioni di euro prevede la sostituzione massiccia dei contatori, circa due milioni, nel quinquennio 2020-2025, e un successivo implemento delle tecnologie per migliorare i servizi fino al 2034. Il primo Municipio coinvolto nella sostituzione sarà il IX, proprio da ottobre. Sul sito di areti sono disponibili tutte le informazioni relative al nuovo servizio.

Articoli Correlati

Acea, una nuova offertaper clienti del mercato libero

La nuova offerta Acea: con un contributo mensile fisso si pagano luce e gas alle condizioni del mercato all’ingrosso

Festival dell'acquaAcea protagonista

ACEA partecipa al “Festival dell’acqua” di Bressanone, una delle più importanti manifestazioni sulla gestione delle risorse idriche

Nuovo piano di Acea900 milioni in più di investimenti

Acea vara un nuovo piano industriale. L'ad Donnarumma: "Revisione abbastanza importante"