Vaccino, Mosca pronta a produzione già a settembre

  • Coronavirus

Mosca lancerà la produzione di massa di un vaccino contro il coronavirus già dal mese prossimo e a produrre "diversi milioni" di dosi al mese entro il prossimo anno. Il Paese sta procedendo con diversi prototipi di vaccino. Quello preparato presso l'istituto Gamaleya di Mosca ha raggiunto fasi avanzate di sviluppo     "Contiamo molto sull'avvio della produzione di massa a settembre", ha detto il ministro dell'industria Denis Manturov in un'intervista all'agenzia di stampa Tass.  "Saremo in grado di garantire volumi di produzione di diverse centinaia di migliaia al mese, con un eventuale aumento a diversi milioni entro l'inizio del prossimo anno", ha detto, aggiungendo che uno sviluppatore sta preparando la tecnologia per la produzione in tre siti diversi nella Russia centrale.  

Gamaleya. Il ministro della Salute Mikhail Murashko sabato aveva detto sabato che il vaccino Gamaleya ha "completato gli studi clinici" e che si stanno preparando i documenti per registrarlo. Un altro vaccino, sviluppato dal laboratorio Vektor con sede in Siberia, è attualmente in fase di sperimentazione clinica e altri due inizieranno i test sull'uomo entro i prossimi due mesi, ha detto Murashko.

Vaccino vettore virale. Il vaccino della Gamaleya è un cosiddetto vaccino vettore virale, il che significa che impiega un altro virus per trasportare la codifica del Dna della risposta immunitaria necessaria nelle cellule. Il vaccino di Gamaleya impiega l'adenovirus, una tecnologia simile al prototipo di vaccino coronavirus sviluppato da CanSino in Cina, attualmente in fase avanzata di sperimentazione clinica.     L'istituto Gamaleya è stato bersagliato dalle critiche dopo che i ricercatori e i responsabili si sono iniettati il prototipo mesi fa, e gli specialisti hanno criticato la mossa come un modo poco ortodosso e frettoloso di iniziare gli studi sull'uomo.    Gli scienziati sostengono che la Russia farà fatica ad adattare il vaccino alla produzione di massa perché il Paese manca di materie prime, di strutture adeguate e di esperienza, soprattutto con le tecnologie avanzate come il vettore virale. Alcuni funzionari russi si sono vantati che il Paese sarà il primo a proporre il vaccino, rinverdendo i fasti della corsa allo spazio per produrre il primo satellite dell'era sovietica.   Mosca ha respinto le accuse di Regno Unito, Stati Uniti e Canada secondo le quali un gruppo di hacking legato ai servizi segreti russi avrebbe cercato di rubare informazioni su un vaccino contro il Covid-19 dai laboratori occidentali. Il numero di casi di coronavirus della Russia è attualmente al quarto posto nel mondo dopo Stati Uniti, Brasile e India con 854.641 casi accertati e 14.183 morti. 

Articoli Correlati

«Vaccino già a novembrese il test non ha problemi»

L'annuncio della Irbm di Pomezia. Confermati gli stadi senza pubblico

Calano i contagi ma con meno tamponi

Nel mondo 29 milioni di infetti

L'immunità potrebbe esseresolo di breve durata

Una immunità protettiva contro Sars-CoV-2 può essere di breve durata. Lo suggerisce uno studio