Treni, già quasi sold out per il week end

  • Coronavirus fase 3

ROMA. Alla vigilia delle prime ferie per gli italiani, è caos nei trasporti. Sono già esauriti infatti quasi tutti i posti sui treni Frecciarossa in partenza da Milano per il Sud del prossimo weekend. Dopo il dietrofront del governo sul distanziamento dei passeggeri a bordo, i biglietti vendibili si sono dimezzati ed è quasi tutto sold out. Al momento ci sono ancora disponibilità solo su un convoglio per Napoli in partenza sabato 8 agosto. Un po' migliore la situazione per Roma: c'è un treno ancora prenotabile domenica.

De Micheli: mai previsto il 100%

 Il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Paola De Micheli, ha ricostruito i passaggi che hanno portato alla recente ordinanza del governo che ripristina la possibilita' di viaggiare sull'Alta velocita' solo con il 50 per cento dei passeggeri, spiegando che non era mai stato previsto il riempimento completo (al 100%) ma a un massimo dell'80%, poi con i nuovi contagi si e' deciso la nuova 'quota' consentita sui treni.

"Credo che avere un sistema di trasporti che carica un po' meno di altri Paesi ma che in qualche modo fa capire che ci sono delle garanzie, renda l'Italia piu' competitiva anche sul fronte del turismo perche' un turista che parte da un Paese straniero o che si muove in Italia sa che arriva in un Paese dove stiamo cercando di creare le condizioni di massima sicurezza" ha detto ancora il ministro delle Infrastrutture . "Io non dico che è facile, ritengo che sia possibile continuando a migliorare queste condizioni di protezione. Credo che per chi viaggia sia piu' tranquillizzante sapere che il governo e le regioni hanno un approccio di questo tipo".

I consumatori

 Il dietrofront del Governo sul distanziamento nei treni ha creato "tanta confusione ai cittadini e disagi a non finire, con la cancellazione di numerosi treni e l’avvio delle pratiche per i dovuti rimborsi".  Lo sottolinea Federconsumatori. "Rimane il braccio di ferro con le Regioni, che in alcuni casi hanno deciso con troppa disinvoltura e con un pizzico di superficialità di far decadere il distanziamento sui mezzi pubblici. Quello che sorprende è come le prime ad allentare le maglie siano state proprio le regioni più colpite dal contagio" si legge nellanota.

 

Articoli Correlati
Coronavirus fase 3

Il Tar segue il PiemonteLa febbre si misura a scuola

Il Tar del Piemonte ha respinto la richiesta di sospensiva d’urgenza dell'ordinanza della Regione Piemonte sulla misurazione della febbre a scuola
Coronavirus fase 3

Zingaretti: "Mes va preso"Di Maio: "Mes crea tensione"

L'utilizzo del Mes sanitario divide ancora la maggioranza di Governo
Coronavirus fase 3

Industria, rimbalzo luglioGualtieri: "Ripresa significativa"

A luglio la produzione industriale aumenta del 7,4% rispetto a giugno. Il ministro dell'Economia: "Si avvalora la tesi del forte rimbalzo nel terzo trimestre"