Da Milano cocktail speciali e ovunque

  • WWWORKERS

Wwworkers è la community dei lavoratori della rete, dipendenti o imprenditori che operano con le nuove tecnologie e che si raccontano su wwworkers.it e su Metro.

In un anno in cui la casa è diventata tutto per noi – ufficio, palestra, cinema, bar – ecco che un’intuizione geniale si rivela ancora più vincente. Così un’impresa brianzola ha deciso di riscrivere le regole della consumazione dei cocktail direttamente al di fuori dei bar. E ben prima della pandemia che ci ha isolato nelle nostre abitazioni. Si tratta di Nio Cocktails, impresa accesa da quattro imprenditori italiani giovani e visionari che hanno deciso di stravolgere le abitudini di consumo degli alcolici rendendo facilmente accessibili cocktail già mixati che possano essere bevuti in ogni luogo. «La nostra strategia è di portare gli spirits in luoghi non convenzionali, creando una cultura senza limitazioni fisiche e relazionali. Il nostro brand ambisce a diventare il punto di riferimento e la prima scelta per tutti gli amanti dei cocktail», racconta Luca Quagliano, quarantatreenne nato a Torino e oggi di base a Lissone, in società con Alessandro Palmarin, Massimo Palmieri, Patrick Pistolesi. Quagliano ha una formazione classica con una laurea in giurisprudenza e due master, di cui uno alla SDA Bocconi di Milano E poi una carriera da globetrotter tra Inghilterra, Spagna e in giro per il mondo. «Due anni e mezzo fa l’idea nata da cene con amici che si concludevano con il rito della grappa, del mirto, del limoncello. E col desiderio di un cocktail speciale. Perché adesso è il momento dei cocktail, ma allo stesso tempo nessuno ha nelle case le materie prime per realizzarli al meglio. L’idea non è mai stata di sostituire i barman, ma di arrivare laddove queste figure non potrebbero esserci, ovvero nelle case delle persone», dice Luca.

Le ricette sono realizzate da Patrick Pistolesi, uno dei bar tender che ha contribuito maggiormente a cambiare e diffondere la cultura del cocktail a Roma. E con ingredienti imbottigliati senza conservanti o additivi. Headquarter a Milano con una decina di collaboratori tra Italia e Inghilterra. E poi il business distribuito in Europa, America, Libano. Sull’e-commerce Nio-cocktails.com si possono acquistare ben 15 soluzioni più una serie di edizioni limitate. Anche in fase di post-lockdown continua la trasformazione delle nostre case in veri e propri spazi di condivisione.

GIAMPAOLO COLLETTI
@gpcolletti

 

 

 

Articoli Correlati