Mobilità elettrica, un evento sul digitale

  • mobilità elettrica

"Entra nel futuro" è l’evento nazionale virtuale di MOTUS-E, l’associazione sulla mobilità elettrica che raggruppa oltre 60 aziende e partner, che si terrà il prossimo 17 luglio live sul sito dedicato entranelfuturo.com. Una serie di panel paralleli dove gli utenti del web potranno assistere nel contesto di una città green, digitale e a zero emissioni. La partecipazione che è gratuita e libera ed è possibile scegliere un avatar e un mezzo elettrico per girare la città ed “entrare” nei vari edifici virtuali dove si terranno gli eventi. 

L’evento vedrà, dopo gli interventi inaugurali del Presidente di MOTUS-E, Francesco Venturini, del Segretario Generale Dino Marcozzi e uno speech sui cambiamenti climatici da parte del climatologo e ricercatore CNR Antonello Pasini, 4 round table dedicati ai temi del trasporto privato, del trasporto pubblico, delle infrastrutture e dell'industria negli edifici virtuali della Piazza Centrale, del Museo dell'Energia, del Distretto industriale e del Municipio. Chiuderà l’evento la premiazione dei migliori paper scientifici e tesi di laurea sulla mobilità elettrica nell’edificio virtuale dell’Università.

Tra i relatori agli eventi, che rimarranno on line per 90 giorni per poter essere rivisti “on demand” per la libera consultazione degli utenti, ci saranno: Francesco Venturini, Barbara Gasperini, Dino Marcozzi, Davide Crippa, Massimo Nordio, Roberto Di Stefano, Gianluca Di Loreto, Rossella Muroni, Andrea Gibelli, Edoardo Zanchini, Alessandro De Guglielmo, Maurizio Delfanti, Enrico Giovannini, Silvio Angori, Francesco Zirpoli, Julia Poliscanova, Diego De Lorenzis, Massimo Leonardo, Rosaria Romano, Antonello Pasini, Frans Timmermans, Alessandro Lago, Giuseppe Catalano, Simone Cosimi, Francesco Naso, Giovanni De Filippis, Gianpiero Mastinu, Jussef Hassoun.

F.P.

Articoli Correlati
mobilità elettrica

Auto elettriche, Marcozzi"L’obiettivo vero è favorire il cambiamento"

Mobilità elettrica protagonista a Roma giovedì. Intervista con Dino Marcozzi