A maggio produzione industriale giù del 20% sul 2019

  • economia

ROMA A maggio si stima che l'indice destagionalizzato della produzione industriale sia aumentiato del 42,1% rispetto ad aprile. Lo rileva l'Istat aggiungendo che corretto per gli effetti di calendario, l'indice complessivo diminuisce in termini tendenziali del 20,3% (i giorni lavorativi sono stati 20 contro i 22 di maggio 2019). Nella media del periodo marzo-maggio, il livello della produzione è sceso del 29,9% rispetto ai tre mesi precedenti.

«Dopo la forte flessione registrata ad aprile, mese caratterizzato dalle chiusure in molti settori produttivi in seguito ai provvedimenti connessi all'emergenza sanitaria, a maggio si è assistito  ad una significativa ripresa delle attività: tutti i comparti sono in crescita congiunturale, ad eccezione di quello delle industrie alimentari, bevande e tabacco, che registra una leggera flessione - lo afferma l'Istat commentando i dati della produzione industriale di maggio - Il livello della produzione, peraltro, risente ancora della situazione generata dall'epidemia di Covid-19: l'indice generale, al netto della stagionalità, presenta una flessione del 20,0% rispetto al mese di gennaio, ultimo periodo precedente l'emergenza sanitaria, aggiunge.

L'indice destagionalizzato mensile mostra aumenti congiunturali diffusi in tutti i comparti: aumentano in misura marcata i beni strumentali (+65,8%), i beni intermedi (+48,0%), i beni di consumo (+30,8%) e, con una dinamica meno accentuata cresce l'energia (+3,4%). Forti flessioni tendenziali caratterizzano tutti i principali comparti; il calo è meno pronunciato solo per l'energia (-7,2%), mentre risulta più rilevante per i beni strumentali (-22,8%), i beni intermedi (-22,4%) e quelli di consumo (-18,7%). 

Sempre secondo i dati Istat la produzione di autoveicoli, a maggio, è scesa del 50,8% rispetto allo stesso mese del 2019 (dati corretti). Il dato grezzo segna una flessione del 54,5%. Nei primi cinque mesi dell'anno la produzione di autoveicoli è diminuita del 44,4% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso (dato grezzo -45,1%).

Articoli Correlati

Nel 2019 è boom di frodi creditizie

I dati pubblicati dall’Osservatorio sulle Frodi Creditizie e i furti di identità realizzato da CRIF-MisterCredit.

Cala la bolletta del gassale quella elettrica

Intanto il Governo pensa a come riformare la casa integrazione guadagni

"Riapertura dell'economia Primi effetti tangibili"

Per il ministro Gualtieri segnali di reazione alla crisi da Covid