Tra Zerocalcare e Motta l'Estate è MAXXI

  • Zerocalcare Fumetti

ROMA Il ghiotto ricco programma di Estate al MAXXI torna anche quest’anno ad animare la piazza del Museo, rafforzando la sua vocazione di spazio pubblico al servizio del quartiere e della città.
Lo fa nel pieno rispetto delle norme di sicurezza, con tanti appuntamenti di musica, teatro, letteratura, cinema, con due grandi installazioni aperte al pubblico e naturalmente anche con le mostre, che proseguono negli spazi interni del museo nazionale del contemporaneo progettato da Zaha Hadid.
 
Tanti gli eventi  in calendario. Si comincia giovedì 2 luglio con gli ultimi due appuntamenti di Cinema al MAXXI. È una fusione tra musica e parole la serata di cui sarà protagonista il cantautore Motta (mercoledì 8 luglio) e, sempre in tema di musica, si spazierà da una straordinaria interprete come Tosca (giovedì 30 luglio) alle contaminazioni dell’ensemble RomAraBeat con la partecipazione straordinaria di Moni Ovadia (martedì 28 luglio); due serate speciali saranno dedicate al teatro, con Isabella Ragonese (mercoledì 22 luglio) e Davide Enia (venerdì 17 luglio); giovedì 16 luglio Zerocalcare torna a incontrare il pubblico del MAXXI;  ancora il cinema, con due importanti premiazioni e un talk con il regista Daniele Luchetti (martedì 14 luglio).
          
 
ESTATE AL MAXXI: IL PROGRAMMA
 

MUSICA
Tre serate di musica dal vivo. La prima è un appuntamento tra musica e parole con il cantautore Motta che, in conversazione con il giornalista Luca Valtorta e a partire dal suo ultimo libro Vivere la Musica (Il Saggiatore), guiderà un racconto d’eccezione intervallato da canzoni in acustico (mercoledì 8 luglio alle 21.00, ingresso 10 €).
Martedì 28 luglio alle 21.00 è la volta dell’ensemble RomAraBeat con la partecipazione straordinaria di Moni Ovadia. La loro musica non ha confini, unisce idealmente il Maghreb ai Balcani, in un viaggio a ritroso per ripercorrere la storia della musica araba (ingresso 10 €).
Cantante, attrice, eclettica artista con un’innata propensione alla ricerca e alla sperimentazione: è Tosca, la protagonista della serata di giovedì 30 luglio alle 21.00. Dopo la proiezione del documentario Tosca. Il suono della voce (regia di Emanuela Giordano) Tosca sarà in conversazione con il giornalista Ernesto Assante, alternando ricordi e racconti a momenti musicali dal vivo, accompagnata da Massimo De Lorenzi alla chitarra e Giovanna Famulari al violoncello (ingresso 10 €).

TEATRO
Un’isola, le spiagge, il mare: quel mare in cui i migranti ripongono le speranze di un futuro migliore, ma anche il mare su cui si affaccia la vita di una buona parte degli italiani. È proprio il mare il denominatore comune delle due serate dedicate al teatro, che quest’anno torna protagonista di Estate al MAXXI.
Primo appuntamento venerdì 17 luglio alle 21 con L’abisso, di e con Davide Enia, una co-produzione  del MAXXI con Teatro di Roma - Teatro Nazionale, Teatro Biondo Palermo e Accademia Perduta/Romagna Teatri. Musiche composte ed eseguite da Giulio Barocchieri. Tratto dal libro di Davide Enia Appunti per un Naufragio (Sellerio) pluripremiato all’edizione 2018 del Premio letterario internazionale Mondello, L’Abisso racconta Lampedusa e la tragedia degli sbarchi, attraverso lo sguardo dei testimoni diretti  e  diversi linguaggi: il gesto, il canto, il cunto della tradizione siciliana (ingresso 10 €).

Mercoledì 22 luglio alle 21 sarà la volta di Spiagge, di e con Isabella Ragonese: in Italia la costa e il mare con le sue spiagge caratterizzano e raccontano la vita e la società, il pensiero e le azioni di un popolo.
La scrittura ha spesso collocato in riva al mare spaccati di esistenze e Isabella Ragonese ci accompagna in un viaggio emozionante guidato dalle parole sapienti e dalle visioni di alcuni fra i maggiori esponenti della letteratura, del cinema e del teatro del nostro paese, che attraverso le loro suggestioni ci hanno restituito un complesso ritratto della cangiante società dell’Italia contemporanea (ingresso 10 €).

LIBRI
Come sempre spazio alla letteratura nella piazza del Museo.
A un anno dalla chiusura della prima mostra dedicata ai suoi disegni, torna al MAXXI Zerocalcare, per presentare la nuova edizione ampliata di Kobane Calling. Oggi (Bao Publishing) e incontrare il pubblico che lo segue con enorme affetto in un nuovo firmacopie(giovedì 16 luglio, ore 20.30, ingresso libero fino a esaurimento posti).

Mercoledì 15 luglio alle 21 sarà la volta di Marco Risi che, in conversazione con il giornalista Malcom Pagani, presenta Forte respiro rapido. La mia vita con Dino Risi (Mondadori): protagonista è il giovane che ha sfidato il padre sul suo stesso terreno e si è aperto una strada sua. Non un padre qualunque, ma Dino Risi, il regista che ha arricchito di storie, emozioni e immagini la Commedia all’italiana (ingresso libero fino a esaurimento posti).
Un incontro per discutere della condizione dell’uomo dopo il COVID-19: come e cosa fare per uscire dal presente ed essere ancora umani nel futuro? Paolo Benanti, francescano del Terzo Ordine Regolare e teologo ne parlerà a partire dai suoi libri Se l'uomo non basta. Speranze e timori nell'uso della tecnologia contro il Covid-19 (Castelvecchi) e Digital Age. Teoria del cambio d’epoca. Persona, famiglia e società (San Paolo) in conversazione con Giovanna Melandri, Presidente Fondazione MAXXI (martedì 21 luglio, ore 21, ingresso libero fino a esaurimento posti).

Non poteva mancare un appuntamento dedicato all’arte: Claudio Strinati, uno degli esperti più autorevoli e noti in Italia, tra i maggiori conoscitori del Seicento italiano, presenta Il Giardino dell’arte (Salani), in conversazione con Giovanna Melandri: un racconto speciale che è insieme una guida e un romanzo di formazione, per guardare con occhi nuovi le meraviglie del nostro Paese (giovedì 23 luglio, ore 21.00, ingresso libero fino a esaurimento posti).
 
CINEMA
Quattro serate, un appuntamento speciale e due premiazioni a coronamento di due cicli interrotti dal lockdown ma che sono riusciti con successo a proseguire online grazie al palinsesto #iorestoacasa con il MAXXI.

Giovedì 2 luglio dalle 19 si terrà la proiezione di Turi Ferro - L’ultimo Prospero  di Daniele Gonciaruk e Due scatole dimenticate. Viaggio in Vietnam di Cecilia Mangini e Paolo Pisanelli. Sono gli ultimi due film parte di Extra Doc Festival, la rassegna di documentari curata da Mario Sesti dedicata a lavori selezionati tra anteprime mondiali e opere che si sono messe in luce nei principali festival, in collaborazione con Fondazione Cinema per Roma (Auditorium del MAXXI, ingresso libero fino a esaurimento posti).
Lunedì 6 luglio alle 21.00 il MAXXI ospiterà la premiazione della 74.ma edizione dei Nastri d’Argento (l’evento non è aperto al pubblico ma sarà possibile seguirlo in diretta su Rai Movie).

Martedì 7 luglio doppio appuntamento: alle 21.00 Laura Delli Colli, Presidente Fondazione Cinema per Roma e Mario Sesti saranno in conversazione con Paola e Silvia Scola, figlie del grande regista Ettore Scola e autrici di Chiamiamo il babbo (Rizzoli, 2019), un ritratto intimo, caldo e sincero di questo gigante del cinema che ha raccontato l’Italia e contribuito a creare un'identità culturale condivisa. A seguire la premiazione del Video Essay Film Festival, curato da Mario Sesti e Andrea Minuz, il primo Festival dedicato ad una delle espressioni più originali del web, realizzato in collaborazione con la Fondazione Cinema per Roma e il Dipartimento di Storia, Antropologia, Religioni, Arte, Spettacolo di Sapienza – Università di Roma.

Martedì 14 luglio alle 21 si terrà la premiazione del concorso Extra DOC Festival. Due i premi, “Miglior documentario italiano dell’anno” e “Extra DOC CityFest” al miglior inedito, a cui si aggiungeranno altri due premi assegnati dagli studenti partecipanti al progetto Extra DOC School (iniziativa realizzata nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola promosso da MiBACT e Miur). Durante la serata, si terrà anche un talk con il regista Daniele Luchetti, Presidente della Giuria di Extra DOC Festival (ingresso libero fino a esaurimento posti).
 
Tutti gli aggiornamenti sul programma di ESTATE AL MAXXI  www.maxxi.art  
 
NELLA PIAZZA | Home Sweet Home, di Lucy Styles e After Love, di Vedovamazzei
È l’architetto londinese Lucy Styles, per molti anni nel team dello Studio Sanaa fondato dal Pritzker Prize Kazuyo Sejima, la vincitrice dell’ottava edizione di YAP Rome at MAXXI, il progetto organizzato dal MAXXI in collaborazione con MoMA, nell'ambito di Young Architects Program.
Il suo progetto Home Sweet Home ospita gli appuntamenti di Estate al MAXXI 2020.
La “casa del futuro” di Lucy Styles è una sequenza di spazi intimi e aperti allo stesso tempo, stanze a cielo aperto pensate sia come metafora di una vita domestica che come giardino segreto del museo e estensione del suo spazio espositivo.
 
La piazza del MAXXI ospita anche l’opera After Love (2003) di Vedovamazzei, il duo composto da Simeone Crispino e Stella Scala.
After Love è ispirata al cortometraggio di Buster Keaton One Week (1920), vicenda comica della costruzione di una casa prefabbricata, improbabile regalo di nozze, realizzata con istruzioni intenzionalmente alterate da un rivale.  Alla fine, com’era prevedibile, la casa risulta inutilizzabile.  Se nel film è solo l’esito scontato di una peripezia comica, nell’opera di Vedovamazzei la casetta sbilenca è allo stesso tempo comica e tragica, grottesca e seria. Un “disastro in miniatura” simbolo dell’inefficacia di un modo di agire e di pensare che non prende in considerazione la possibilità del proprio fallimento né sa porvi rimedio.
 
LE MOSTRE IN CORSO AL MAXXI:
- REAL_ITALY fino al 26 luglio 2020
- Gio Ponti. Amare l'architettura fino al 27 settembre 2020
- At Home 20.20  fino al 1 novembre 2020
 
Orari museo: martedì > domenica 11.00 - 19.00
Speciale biglietto intero € 8 - ridotto € 5 (condizioni su www.maxxi.art)

Articoli Correlati
Zerocalcare Fumetti

Zerocalcare: “Le mie sono solo storie di famiglia”

Il “golden boy” del fumetto italiano racconta a Metro della sua ultima opera: “Dimentica il mio nome”