Tra Suzuki e Toyota c'è di mezzo una Across

  • Auto novità

AUTO Alla base del nuovo suv di Suzuki, l’Across, c’è un accordo che i due marchi giapponesi hanno sottoscritto poco più di un anno fa e dal quale Suzuki si aspettava di poter utilizzare il sistema ibrido di Toyota e la piattaforma sulla quale sono state sviluppate sia la nuova Rav4 che Corolla. In cambio Suzuki avrebbe fornito a Toyota dei nuovi motori sviluppati per vetture di taglia piccola e compatta. Il primo modello realizzato sulla base di quell’accordo è la Suzuki Across derivata dalla Rav4 e che sarà in vendita nei prossimi mesi anche in Europa. I due modelli non nascondono l’evidente somiglianza, in particolare nella vista laterale e nel posteriore, mentre diversa è la mascherina anteriore e più in generale inedito è il frontale del suv Suzuki.

L’Across è equipaggiato di un sistema ibrido, dotato di batterie agli ioni di litio ricaricabili dall’esterno e alloggiate sotto il pianale in grado di accumulare 18,1 kWh di energia. Servono ad alimentare due motori elettrici: quello principale, da 182 cv e 270 Nm di coppia, è alloggiato nella parte anteriore, mentre quello dietro da 54 cv garantisce la trazione al retrotreno e migliora la guidabilità su fondi a bassa aderenza. Ad essi si abbina il termico a benzina di 4 cilindri di 2.500 cc che entra in funzione con le batterie scariche, quando si cercano le massime prestazioni o per ricaricare le batterie, se queste sono scariche e le condizioni di guida lo consentono. In elettrico l'auto può percorrere fino a 75 km. A gestire la spinta dei motori è l’elettronica, ma il guidatore può selezionare 4 modalità: la Ev che entra in funzione all’accensione dell’auto e permette alla Suzuki Across di viaggiare con la sola spinta dei motori elettrici. La Auto EV/HV alterna trazione elettrica a quella ibrida in funzione dello stile di guida, la HV ha la trazione solo ibrida e la Battery Charger va attivata quando si vuole mantenere la carica delle batterie. Infine nella dotazione di serie del suv sono annunciati i fari full led, un infotainment da 9 pollici, i cerchi da 19 pollici e diversi sistemi Adas. Dalla frenata d’emergenza con riconoscimento di pedoni e ciclisti al mantenimento della corsia Lane Tracing Assist, al cruise control adattivo Dynamic Radar Cruise Control e all’alert anticollisione utile nelle manovre in retromarcia.

CORRADO CANALI

Articoli Correlati

Ricompare la sigla TIsu una BMW tutta pepe

La 128TI (Turismo internazionale) compatta riporta agli anni Sessanta. Abitacolo personalizzato rosso e nero

La Jaguar XF si rinnovacon interni più tecnologici

L'ammiraglia della Casa inglese rivisitata nell'estetica ma soprattutto nelle dotazioni

Tre weekend di lancioper la nuova Hyundai i30

Il marchio coreano protagonista per tutto ottobre nei concessionari per il "porte aperte"