Atm: in arrivo i bonus per gli abbonati

  • Milano

Trasporti Gli abbonati Atm che non hanno potuto usare i mezzi pubblici durante il lockdown potranno avere una proroga di uno o due mesi del loro abbonamento. «La proposta è: per tutti coloro che hanno acquistato l’abbonamento di marzo e non l’hanno utilizzato, di avere una mensilità gratuita al primo abbonamento che comprano»,  ha detto l'assessore, Marco Granelli, «il prossimo mensile sarà gratuito. Per chi ha acquistato un abbonamento annuale invece è di prorogare la scadenza dei due mesi per i quali non è stato utilizzato». La richiesta è stata fatta a Regione Lombardia, che dovrà ripartire le somme dal Fondo statale, come Agenzia di bacino del trasporto pubblico. Un’operazione che costerà a palazzo Marino circa  20 milioni. Per Atm sarebbero 150 mila le persone che hanno acquistato un abbonamento mensile, mentre gli abbonamenti annuali in essere, sono circa 350 mila. 

Intanto la società di Foro Bonaparte fa i conti: i mancati incassi per i Coronavirus toccherebbero quota 300 milioni. «Abbiamo fatto una stima e nei mesi di marzo, aprile, maggio, la coda di febbraio, abbiamo circa 116 milioni di mancato introito - ha detto Granelli -. Se andiamo a stimare fino a fine anno, perché ancora oggi il tpl  ha un utilizzo del 35%, arriviamo  a 300 milioni complessivi di mancato introito nel corso del 2020». Il governo ha stanziato un fondo nazionale di 500 milioni, in Lombardia ne arriveranno circa 98 e a Milano «potrebbero arrivarne 45». Una situazione che non soddisfa la giunta, la quale chiama in causa Regione Lombardia, «che dovrebbe mettere qualcosa».

Obbligo di prenotazione su Trenord 

Trasporti  Prenotazione obbligatoria del posto sui treni regionali per evitare affollamenti. È la svolta annunciata da Trenord, che nei weekend di luglio e agosto avvierà il test su “otto corse, 4 sulla Milano-Tirano e 4 sulla Milano Cadorna-Como Lago». La prenotazione gratuita può avvenire solo dalla App di Trenord, e sarà possibile «anche senza l’acquisto del biglietto, se il cliente l’avesse già comprato altrove». Così, il sistema regolerà il numero di posti, fino a esaurimento. Una scelta che potrebbe risultare di difficile gestione per quanti non usano internet e smartphone  (gli anziani, per esempio) o per gli stranieri. Inoltre si obbliga l’utenza a scaricare la App Trenord. Forse sarebbe stato più utile permettere la prenotazione anche dal sito della società.

Articoli Correlati

Milano, Hu supera RossiCinese il cognome più diffuso

E' cinese, Hu, il cognome più diffuso in assoluto a Milano: supera Rossi anche nella graduatoria femminile

Trovati e sequestrati i camici di Fontana

La Gdf li ha bloccati nel magazzino della società Dama, la Spa di proprietà del cognatgo e delal moglie del governatore lombardo

Trovati e sequestrati i camici di Fontana

La Gdf li ha bloccati nel magazzino della società Dama, la Spa di proprietà del cognatgo e delal moglie del governatore lombardo