Realizzata dagli italiani la prima retina liquida

  • Salute

ROMA È frutto di una collaborazione tra i ricercatori di Genova, Milano e Negrar il primato italiano nella realizzazione di una innovativa retina artificiale liquida. Si tratta di una protesi formata da una soluzione acquosa in cui sono sospese nanoparticelle fotoattive, in grado di svolgere le funzioni dei fotorecettori naturali della retina quando questi sono danneggiati da malattie neurodegenerative e dall’invecchiamento. Sarà un’arma in più per affrontare le conseguenze di malattie come la retinite pigmentosa e la degenerazione maculare.

Polimero a base di carbonio

La retina liquida è formata da una soluzione in cui sono sospese nanoparticelle composte da un polimero a base di carbonio che assorbe la luce. Questo polimero, che viene usato anche per le celle fotovoltaiche, assorbe la luce che entra nell’occhio e la converte in un segnale biolettrico che stimola le cellule. La ricerca è stata svolta dall’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, dal Center for Nano Science dell’IIT di Milano e dalla clinica Oculistica del Don Calabria di Negrar.

METRO

Articoli Correlati

Un cane allunga la vitaLo dicono anche i medici

Studio: avere un cane è associato a una riduzione del 24% della mortalità per tutte le cause

Quanto a salutenella Ue siamo al top

I risultati del Rapporto Meridiano Sanità. Servono più investimenti

L’integratore non bastaconta lo stile di vita

Il ministero della Salute stila un “decalogo” per i tanti (ormai la metà della popolazione) che li usano