I nostri mille bonus e il buon padre di famiglia

  • Maurizio Guandalini

Il bonus baby sitter ai nonni e agli zii è un di più. Altri soldi a ufo nell’inventario del “fino a quando regge questa roba qui”. E’ necessario  gratificare con denaro i famigliari che prelevano i bambini da scuola e li accudiscono nel focolare domestico fino a sera, con pane, amore e fantasia? Per la terza età non è un lavoro. E’ una gratificazione. Che, per la verità, rompe parecchio, perché oggi gli anziani sono belli attivi e pimpanti fino avanti con gli anni e, tenere a bada dei pargoli, oltre a essere una responsabilità, è una forte limitazione della libertà. Uscire, passeggiare, ballare, università della terza età, ce n’è. Ma tant’è, i figli so’ piezz’ ‘e core. Eppoi. Chi ha i dané sono i nonni. Il vero, unico e solo stato sociale che impedisce al Paese di fare capitomboli pericolosi. Allungano i soldi per comprare ai figli la casa, la macchina, il frigorifero o la tv nuova. E’ un servizio bancomat permanente, so’ piezz’ ‘e core, appunto, una mano lava l’altra e dove non arriva uno arriva l’altro. Piuttosto, stupisce che il ragiunatt tenutario dei profitti e perdite non metta uno stop. A capo a. I milioni di partite Iva stanno ancora strologando a chi arriverà il bonus di maggio. Se arriverà. Quando arriverà. A giorni si dovranno pagare imposte e tasse senza aver guadagnato per sei mesi e sarà così anche per i prossimi sei. Gira la ruota a casa del reddito di cittadinanza, non passa giorno che lo intasca gente che evade, che delinque e nullafacenti di costituzione che mandano le mogli al lavoro mentre i percettori della paghetta s’ingegnano ad aizzare il caos. Eccheddire delle centinaia di migliaia di euro dati per i consulenti  che hanno consigliato l’innovazione del welfare navigatore. L’impressione paesana, qualunquistica sicuramente, è lo smarrimento di quello che in diritto privato romano è la diligenza del buon padre di famiglia. Che, rivolto ai commensali, mai e poi mai  guarderebbe con indifferenza l’ultima patatina nel piatto, senza coglierla dopo aver ingurgitato anche il menù della grande abbuffata.

MAURIZIO GUANDALINI

Articoli Correlati
Maurizio Guandalini

Che cosa ci insegnail surplus di risparmio

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

Artiglieria pesantecontro il crollo

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

Il genio che se ne vae la domanda che resta

L'opinione di Maurizio Guandalini