Coronavirus: Scaroni, 'da crollo prezzi greggio impatto negativo anche su rinnovabili'

Roma, 22 mag. (Adnkronos) - Il crollo dei prezzi del petrolio legato all'emergenza covid-19 ha pesato sul settore petrolifero che "soffre molto" e che "ha tagliato i dividendi e gli investimenti" ma ha anche un impatto negativo "sulle rinnovabili che soffrono anche loro del basso prezzo del greggio" perché "ritarda il loro sviluppo" e quindi "ritarda anche la lotta al riscaldamento globale". Ad affermarlo è Paolo Scaroni, Deputy Chairman di Rothschild e Presidente di Ac Milan nel corso di un webinar organizzato dalla Luiss Business School. "Siamo ancora lontanissimi dalla risoluzione del problema della transizione energetica anche perché il fotovoltaico e l'eolico con circa 2,5 trilioni spesi negli ultimi 15 anni coprono ancora oggi solo il 2% del consumo energetico globale", sottolinea Scaroni.


Nel settore petrolifero con l'emergenza covid-19 "si è vissuto un momento drammatico che non è stato ancora superato per quanto riguarda in particolare i stoccaggi. La produzione di petrolio è crollata". Per i paesi come Russia e gli Stati membri dell'Opec "di conseguenza si registrano entrate insufficienti per coprire i bilanci pubblici. Nei paesi come Nigeria, Angola, Algeria e Libia, i quali soffrivano già prima, con un prezzo del petrolio intorno ai 30 dollari rischiano la fame".