Niguarda si ribella contro gli audio "fake"

  • Milano

salute “Cestinate e non divulgate messaggi allarmistici che non provengano dalle Istituzioni e dalla Polizia tramite i propri canali web e sociali”. È la raccomandazione della polizia che ha accompagnato la denuncia da parte del direttore generale di Niguarda di due vocali diffusi da sedicenti medici del nosocomio. Due messaggi allarmistici. In uno, una donna incitava a “fare la scorta” (l’assalto dei supermarket che ci fu quel giorno), perché Milano, diceva, “finirà in quarantena”. Il secondo, invece, proveniva da tale Martina,  cardiologa della terapia intensiva. In entrambi i vocali si illustrava  una situazione drammatica nella gestione dell’emergenza da parte dell’ospedale. Secondo la denuncia, i messaggi sono “suscettibili di destare allarme sociale nei destinatari” e contengono “fake news”. “Interverremo con la massima serietà e durezza”, ha spiegato il procuratore Siciliano. 

Articoli Correlati

Patto Comune-Emergency per assistere i clochard

Un team dell’Ong di Strada sarà nei dormitori per monitorare i senzatetto. Ma resta il problema di quanti rifiutano l'assistenza

Fontana: «Dobbiamo fermaretutta la Lombardia»

Il presidente scrive al governo per bloccare negozi e trasporti. Intanto i morti salgono a 468, 135 in più di lunedì

Rivolta a San Vittore Bruciati due raggi

Cariche e ostaggi. La calma tornata solo a tarda sera, dopo la mediazione di due pm