Renzi attacca ancora "Se Conte respinge nostre idee..."

  • GOVERNO

"Se il Premier riterrà di respingere le nostre idee, faremo senza polemiche un passo indietro, magari a beneficio dei cd. responsabili. Dentro o fuori non è una questione di tattica, ma di contenuti". Lo scrive Matteo Renzi su Facebook. "Qui del resto non si gioca una partita personale, di simpatia o antipatia - sottolinea il leader di Italia viva - Si gioca una partita politica, di contenuti. Ripeto ciò che sto dicendo da giorni, in tutte le sedi, pubbliche e private.L’Italia vive una fase di difficoltà che nei prossimi mesi potrebbe peggiorare.Occorre una svolta. Non chiediamo nomine o sottosegretariati: chiediamo che ascoltino (anche) le nostre idee".
    Renzi elenca quindi i "4 grandi temi" messi sul tavolo:  
1- Sblocchiamo con i commissari i cantieri fermati dalla burocrazia. 
2- Eliminiamo o modifichiamo il reddito di cittadinanza che non funziona
3- Lavoriamo per una Giustizia Giusta, per i diritti e contro il populismo giustizialista.
4- Cambiamo le regole insieme per eleggere il Sindaco d’Italia dando cinque anni di stabilità al Governo".
 "Se il Premier riterrà che su queste cose si possa trovare un buon compromesso, noi ci saremo. Se il Premier riterrà di respingere le nostre idee - avverte l'ex premier -, faremo senza polemiche un passo indietro, magari a beneficio dei cd. responsabili".  "Dentro o fuori non è una questione di tattica, ma di contenuti. Se sui contenuti siamo d’accordo, si sta dentro. Se sui contenuti siamo lontani, è giusto che tocchi ad altri. Con una parola: noi facciamo politica, non populismo", conclude Matteo Renzi.

Articoli Correlati

Renzi al Governo"Così non si va avanti"

Matteo Renzi a Porta a Porta: "Così non si va avanti". "Serve l'elezione diretta del presidente del Consiglio"

L'incognita Renzifa ballare il Governo

Nel governo aria di burrasca: nuovi arrivi in Italia Viva, Renzi prepara una sorta di sfiducia

Fiducia sul MilleprorogheChe cosa cambierà

La votazione alla Camera sul testo omnibus. Il premier Conte: «Governo accelera su agenda»