Evacuati 3000 cammelli finiti sotto le bombe

  • Libia

Tremila cammelli importati dall'Australia sono stati portati fuori dalla capitale Tripoli in Libia durante una notte di evacuazione dopo che il porto in cui erano arrivati ​​è caduto sotto il fuoco dell'artiglieria. I cammelli hanno lasciato il porto di Tripoli poco dopo la mezzanotte di ieri, e sono stati radunati lungo un'autostrada che porta a ovest verso la città di Zawiya, a circa 45 chilometri di distanza, dove sono arrivati ​​questa mattina, secondo un commerciante locale citato dall’agenzia di stampa Reuters.   Tuttavia, ha detto che un gruppo armato locale aveva rubato 125 cammelli mentre attraversavano il sobborgo di Janzour, a Tripoli.   Un reporter di Reuters ha visto una ventina di cammellieri che hanno allineato i cammelli mentre lasciavano la zona centrale di Tripoli, con alcuni cammelli che cercavano cibo lungo il lato della strada. Le forze di sicurezza hanno temporaneamente chiuso la strada per farli passare.

Australia. Il commerciante ha detto che un collega uomo d'affari di Zawiya ha acquistato i cammelli dopo aver sentito che venivano venduti a buon mercato in Australia, dove secondo i resoconti dei media australiani, numerosi cammelli che avevano iniziato a cercare acqua nelle aree residenziali sono stati abbattuti. I cammelli vengono spesso importati in Libia dal Sudan insieme alle capre e la carne di cammello viene ampiamente consumata.        Il porto di Tripoli, che si trova vicino al centro città, è stato bombardato martedì da forze fedeli al comandante Khalifa Haftar, con base in Libia orientale, che ha intrapreso un'offensiva per prendere Tripoli per più di 10 mesi.

Articoli Correlati

Tripoli, attacco al portoHaftar distrugge nave turca

Haftar ha rivendicato di aver colpito nel porto di Tripoli una nave turca che trasportava munizioni e armi

Libia senza treguabattaglia nei cieli di Tripoli

Lancio di missili e droni abbattuti nelle schermaglie fra le due fazioni

Berlino, Serraj e Haftarok a conferenza intra-libica

Libia, i partecipanti alla Conferenza di Berlino hanno approvato la dichiarazione finale