Luisa Ranieri: «Carmela diventa una donna coraggio»

  • Tv Rai1

ROMA Tra le donne forti e combattenti di casa Rai è una delle più note, una di quelle che ha fermato sei milioni di spettatori davanti al piccolo schermo. 
E lei, Luisa Ranieri nei panni della siciliana Carmela pronta a tutto per salvare la sua famiglia dalle prepotenze, confessa di non essere molto diversa dal suo personaggio: timida, schiva ma pronta a combattere quando il gioco si fa duro. Come nella miniserie “La vita promessa”, diretta da Ricky Tognazzi e Simona Izzo,  che, dopo il successone della prima stagione, torna su Rai1 dal 23 febbraio, in tre serate. 

È ambientata  nella newyorkese Little Italy degli anni ‘30 e ‘40, dove la famiglia di Carmela ha una nuova casa e un ristorante.

Il tutto in odore di melo’ perché, come dice Tognazzi: «Non ne abbiamo avuto paura; abbiamo spinto sull'acceleratore, inserito elementi molto moderni e anche un grande omaggio alle donne perché la nostra protagonista non è solo una madre, ma la madre di tutti noi, quando sorride e quando è arrabbiata». 

La Ranieri gli fa eco: «Interpreto una madre, ma soprattutto una donna che si emancipa perché questa seconda stagione mi ha dato la possibilità di affrontare un nuovo aspetto del personaggio che impara a guidare, a lavorare, a parlare inglese: insomma viene dal mondo rurale siciliano ma si integra. E di certo allora le donne avevano più possibilità di emanciparsi in America che Italia».

SILVIA DI PAOLA

Articoli Correlati

“Bella da morire”, donne contro il femminicidio

Cristiana capotondi, Lucrezia Lante della Rovere e Margherita Laterza protagoniste della nuova miniserie di Andrea Molaioli in onda su Rai1 da domenica

«Sarò un Montalbano fedelecon una regia malinconica»

Luca Zingaretti nella doppia veste di protagonista e regista torna in onda il 9 e il 16 marzo mentre Montalbano sbarcherà al cinema dal 24 al 26 febbraio