Lazio, schiaffo all'Inter rimontata e battuta: 2-1

  • Campionato

CALCIO Con una grande prova di maturità, la Lazio supera in rimonta l’Inter all’Olimpico, la scavalca in classifica e si porta a un punto dalla Juve capolista.
Al 4’ Godin di testa manda la sfera poco oltre la traversa su corner di Candreva. Cinque minuti dopo, occasionissima per i padroni di casa con una sberla di Milinkovic-Savic che va a incocciare sull’incrocio a Padelli battuto. Dopo il grande pericolo, i nerazzurri conquistano gradualmente il pallino del gioco, creando scompiglio nell’area avversaria con Lukaku murato da Strakosha, anche se la Lazio rimane sempre nel match con due conclusioni di Leiva e di Immobile. Succede poco e niente fino al 44’, quando l’Inter la sblocca: tiro potente di Candreva dopo un’azione di contropiede ben orchestrata, Strakosha respinge, irrompe Young che firma il suo 1° gol con la maglia dell’Inter.

Ripresa. Gli uomini di Inzaghi trovano subito il pari. De Vrij travolge Immobile in area e Rocchi non ha esitazioni a fischiare il penalty. È lo stesso capocannoniere del campionato a trasformare con freddezza. Dopo un pericolo per parte, al 69’ la squadra di casa passa di nuovo: Marusic colpisce a botta sicura, ma trova la respinta sulla linea di Brozovic. Si avventa sul pallone Milinkovic Savic, che addomestica il pallone e con un piatto a giro gonfia nuovamente la rete. Negli ultimi venti minuti, Conte prova a rivoluzionare l’assetto offensivo del suo undici, inserendo Moses, Eriksen e Sanchez, ma è la Lazio a sfiorare il tris dopo una splendida serpentina di Immobile, che trova la deviazione di Padelli in corner.

DOMENICO PARIS

Articoli Correlati

Atalanta sette vittorieAnche il Napoli cade: 2-0

Pasalic e Gomes affondano la squadra di Gattuso

Juventus-Torino, De Ligt:dolci ricordi da derby

Il difensore, decisivo all'andata, definisce i granata «una buona squadra» e predica attenzione ai suoi

Inzaghi scaramantico«Obiettivo Champions»

Il tecnico della Lazio, alla vigilia della sfida a Torino contro i granata, non parla neanche di scudetto