Fino a quando reggeremo la paura

  • Maurizio Guandalini

Gabriel Leung, capo Dipartimento di medicina dell’Università di Hong Kong, uno dei massimi esperti mondiali del COVID-19 ha avvisato che se l’epidemia non sarà controllata, il coronavirus potrebbe contagiare il 60% della popolazione mondiale. Senza misure di contenimento i morti sarebbero 45 milioni.  In tempi non sospetti, nel nostro taccuino su Metro, avevamo ipotizzato forti analogie con la spagnola, la pandemia che tra il 1918 e il 1920 uccise decine di milioni di individui. L’Organizzazione mondiale della sanità  segnala che il domino in corso è il nemico numero uno, peggio del terrorismo. Prima un anno, ora 18 mesi per trovare il vaccino. Strani i cinesi. Si inalberano con l’Italia per i modi eccessivi di reazione.  Proprio loro che hanno in quarantena oltre 60 milioni di abitanti. E che attuano ricoveri coatti, nei confronti di sospetti, in ospedali che sono grandi lazzaretti. Ho visto in tv una scena incredibile. Con un tale ricoverato a forza, come da noi si fa con i matti. 
Non ci sono statistiche ufficiali, comunque dissonanti dai metodi Oms. L’emergenza sanitaria è ingestibile. Da metà gennaio 500 medici sono kappaò. L’epidemia corre, di casa in casa, di famiglia in famiglia per carenza di protezioni. E la Cina ci chiede di stare buoni. Vincere il panico. Lo capiamo. Ai piani alti sono tesi per l’economia. La General Motors sospende le attività per carenza di componenti costruiti in Cina. Apple sta tastando la possibilità di spostare in India la produzione dell’i-Phone. Il porto di Genova ha perso il 5% dei volumi di traffico. Da Shanghai arrivano 180 mila container l’anno.  La merce non viene spedita dalla Cina causa fermo fabbriche. E per la paura crescente del contagio.  A febbraio alberghi e taxi sono in sofferenza per i turisti che non arrivano. Fino a quando potremo reggere la paura? Un anno e mezzo è lungo da passare. E c’è già chi parla di business delle case farmaceutiche. In un mondo dove si preferisce spendere per curare piuttosto che prevenire.

MAURIZIO GUANDALINI

Articoli Correlati
Maurizio Guandalini

Qui serve semplificarela semplificazione

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

I bonus, il contantee le prospettive distorte

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini