Circa 6000 i contagiati Superata anche la Sars

  • il virus cinese

Sono ormai quasi 6 mila (5.974 per la precisione) le persone contagiate dal nuovo coronavirus della polmonite, in Cina. Lo hanno reso noto le autorità sanitarie locali. Più di 9 mila casi sospetti di contagio sono ancora in attesa di un risultato.  I contagiati sono ormai più di quelli che nell'epidemia del 2002-2003 rimasero contagiati dalla Sars.

Usa. La Casa Bianca ha fatto sapere alle compagnie aeree che sta valutando la sospensione di tutti i voli tra gli Usa e la Cina. Lo riportano i media statunitensi, citando fonti informate.

Copia. In Australia, gli scienziati sono riusciti a fare una copia del coronavirus apparso a dicembre in Cina: è un primo passo - hanno detto - nella lotta contro l'epidemia di polmonite virale che ha già causato 131 morti in Cina.   Il Doherty Institute di Melbourne ha annunciato di essere riuscito a creare un nuovo coronavirus dal campione ottenuto da un paziente infetto, per la prima volta fuori dalla Cina. "Ottenere il vero virus significa che ora abbiamo la capacità di convalidare e verificare tutti i nostri test e di confrontare reazioni e sensibilità", ha spiegato uno dei direttori del laboratorio, Julian Druce. "È essenziale per la diagnosi".  La Cina è riuscita rapidamente a sequenziare il genoma di questo nuovo coronavirus e a pubblicare i risultati, consentendo agli scienziati di tutto il mondo di sviluppare nuovi strumenti diagnostici. Tuttavia, la Cina non ha condiviso il virus con i laboratori di tutto il mondo, cosa che l'istituto australiano farà ora, attraverso l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Articoli Correlati
il virus cinese

L'Austria blocca i trenisull’asse del Brennero

Traffico ferroviario internazionale sull’asse del Brennero bloccato dall'Austria
il virus cinese

Si aggrava l’impattosull’economia italiana

Stop al Carnevale di Venezia e stime di decine di milioni di perdite ogni giorno
il virus cinese

Cina, test sulle cavieper primo gruppo di vaccini

Il primo gruppo di vaccini contro il coronavirus ha prodotto anticorpi e sono cominciati i primi test sugli animali