Esecuzione in strada Ucciso detenuto in semilibertà

  • Cronaca

ROMA Un uomo di 43 anni è stato ucciso sabato sera alle 23 in via Gabrio Casatial confine   tra i quartieri del Tufello e Nuovo Salario. L’uomo, di origini albanesi e con diversi precedenti penali, era appena uscito di casa per recarsi in carcere, dove aveva l’obbligo del pernottamento. I sicari lo stavano aspettando fuori dalla sua abitazione e lo hanno colpito con 4 colpi di arma da fuoco. Uno lo ha raggiunto alla testa. Il 43enne è morto lì sul posto dove sono arrivati gli agenti della squadra mobile  che hanno iniziato le indagini a cominciare dai rilievi di polizia scientifica.

La vittima si  chiamava Gentian Kasa. L’uomo stava scontando una pena per droga, furto e ricettazione. Al momento gli investigatori  non escludono nessuna pista ma quella del regolamento di conti per fatti di droga sembra essere la più convinvente. Si indaga seguendo le tracce, anche video, lasciate dai killer ma anche per ricostruire gli eventuali legami criminali che la vittima aveva con il territorio e se appartenesse a qualche gruppo malavitoso in particolare.

Le testimonianze
«Abbiamo sentito dei rumori, ma pensavamo a petardi, non a colpi di pistola. Questa è una zona tranquilla»: ha dichiarato un vicino. Mentre la moglie del 43enne ha riferito agli investigatori che il marito «faceva l'operaio, aveva commesso alcuni reati, ma stava cercando di rifarsi una vita».
La donna, sconvolta dalla morte del marito, non avrebbe aggiunto altri elementi utili a ricostruire la dinamica dell'omicidio.

 

Articoli Correlati

Rapina farmacia con siringa e poi fugge in bici

Arrestato un pregiudicato romano di 43 anni

Propositi del 2020?Ecco come realizzarli

Le dritte dell’esperto per farcela E intanto a New York un hotel...

Un'auto specialeper Manuel Bortuzzo

Grazie a una colletta tra i colleghi e l'azienda in cui lavora il padre, il giovane trevigiano ha ricvuto un veicolo con allestimenti speciali che potrà guidare