Calano i reati a Milano ma cresce l'emergenza droga

  • Milano

Nel 2019 a Milano sono diminuiti i reati: il 4,76 in meno in tutta la città metropolitana rispetto al 2018 e il 16% in meno in 5 anni. Aumentano invece i reati legati al traffico e consumo di droga: +8,4%. E le frodi informatica:  +116,7% in 5 anni. È quanto emerge dal report annuale della prefettura, presentato ieri mattina. I furti hanno registrato un vero crollo, il 26,5% in meno negli ultimi 5 anni. Nei primi dieci mesi del 2019 gli omicidi volontari sono stati 9, tre in più di quelli del 2018 ma otto in meno del 2014. Nello stesso periodo invece le violenze sessuali sono aumentate del 13%: erano 297 nel 2014, 336 nel 2019. Aumentate le denunce per stalking e maltrattamenti. Allarmante il fenomeno droga. In provincia i reati legati agli stupefacenti sono aumentati in anno dell’8,4% e del 30% dal 2014. Il boom si è verificato con il caso Rogoredo, che ha segnato un +68% di interventi delle forze di polizia in 5 anni. «È un aumento enorme - ha considerato il prefetto Renato Saccone - ma va letto in positivo, perché vuol dire che c’è stata una efficace attività di contrasto. Il fenomeno ha avuto una recrudescenza che si è verificata a livello internazionale, con prezzi bassi e formule nuove di vendita. Ma con la ripresa del mercato è ripresa anche la repressione del fenomeno».
E mentre i reati classici diminuiscono, aumentano a tre cifre quelli “nuovi” legati a Internet. Le ultime operazioni hanno rivelato come anche la criminalità organizzata campana si sta spostando proprio sui reati informatici.

Articoli Correlati

La città scivola nel panico

Già presi d’assalto i supermercati. E da oggi in vigore l’ordinanza che “chiude” la Lombardia

Fnm ora punta sul treno Hyperloop

Firmerà un accordo per uno studio di fattibilità con la società che propone il convoglio a lievitazione. Si punta al Cadorna-Malpensa in 10 minuti

Bambino ucciso Il padre a processo

L'uomo sarà in aula il 27 aprile. Secondo l'accusa avrebbe torturato il piccolo di due anni per due giorni consecutivi, prima di dargli il colpo di grazia