Libia, firma finale per una tregua stabile

  • Libia

LIBIA Oggi anche il generale Haftar dovrebbe firmare il documento che definisce i dettagli del cessate in fuoco in Libia, a seguito dell’iniziativa - concretizzata a Mosca - promossa da Russia e Turchia. Il capo del governo di accordo nazionale libico, Fayez al Serraj, ha già firmato ieri sera. Tra i sette punti dell’accordo - oltre al far tacere le armi in modo definitivo, all’immediata garanzia di assistenza umanitaria e alla definizione della linea del fronte - le parti si impegnano a «designare i rappresentanti che parteciperanno ai dialoghi politico, economico, militare e di sicurezza lanciati dal rappresentante speciale Onu per la Libia».

Verso conferenza di Berlino

A sollecitare al presidente russo Putin la ricerca di un cessate il fuoco «credibile, duraturo e verificabile» era stato anche il presidente francese Macron. Mentre Berlino si prepara ad ospitare - forse già il 19 gennaio - la conferenza internazionale con i principali protagonisti e Paesi coinvolti. Per l’Italia, il premier Conte ha incontrato ieri il presidente turco Erdogan, per poi volare in Egitto. «Tra le opzioni c’è un gruppo di interposizione ma lo scopriremo a Berlino - ha detto Conte - noi siamo facilitatori di pace, rivendichiamo questo ruolo». Stasera vertice a Palazzo Chigi con i ministri competenti e i capigruppo delle forze di maggioranza e di opposizione. Ieri il ministro Di Maio ha incontrato il presidente tunisino Said «per coinvolgere i Paesi vicini».

METRO

Articoli Correlati

Evacuati 3000 cammellifiniti sotto le bombe

Tremila cammelli importati dall'Australia sono stati portati fuori da Tripoli: il porto era sotto attacco dell'artiglieria

Tripoli, attacco al portoHaftar distrugge nave turca

Haftar ha rivendicato di aver colpito nel porto di Tripoli una nave turca che trasportava munizioni e armi

Libia senza treguabattaglia nei cieli di Tripoli

Lancio di missili e droni abbattuti nelle schermaglie fra le due fazioni